Attività commerciale

I datori di lavoro devono pagare per le giornate sulla neve, i giorni piovosi e le emergenze?

Quali sono le tue responsabilità come datore di lavoro per la retribuzione dei dipendenti?

Quando ti trovi di fronte a un giorno di neve, a un giorno di pioggia o ad altre emergenze che possono influire sui tuoi dipendenti, un datore di lavoro deve pensare a due fattori. Cosa guida legalmente le tue decisioni sul pagamento dei dipendenti, oppure no?

Ma, cosa più importante, come si sentiranno i vostri dipendenti riguardo alle vostre decisioni? E quali danni possono potenzialmente infliggere al morale dei dipendenti e se i dipendenti ti vedranno come un datore di lavoro di scelta?

Iniziamo con i tuoi requisiti legali perché sono i più facili da applicare alla tua situazione. La retribuzione dei dipendenti dipende da diversi fattori, tra cui il dipendente è esente o non esente, le leggi statali e federali e le politiche che si sviluppano come datore di lavoro. Anche se chiudi volontariamente per la giornata è anche un fattore che vorresti considerare.

Paga i dipendenti esenti per le giornate sulla neve, i giorni piovosi e le emergenze

La Divisione salari e orari del Dipartimento del lavoro (DOL) gestisce l'applicazione della Fair Labor Standards Act (FLSA). Inoltre, gli stati possono disporre di regole aggiuntive applicabili nelle circostanze in cui ti trovi, quindi dovrai consultare il tuo dipartimento del lavoro statale o un avvocato specializzato in diritto del lavoro, oltre alle linee guida fornite qui.

Secondo la DOL, se un dipendente esente svolge un lavoro durante la settimana lavorativa, deve essere pagato il suo stipendio normale completo. Di conseguenza, se un datore di lavoro si chiude a causa di condizioni meteorologiche avverse come pioggia, neve o altre emergenze, se il dipendente ha lavorato quella settimana, deve essere pagato il suo normale stipendio.

Se il datore di lavoro chiude l'attività per la giornata, il datore di lavoro non può effettuare detrazioni dalla retribuzione del dipendente esente per assenze causate dal datore di lavoro o causate dai requisiti operativi dell'azienda. Se il dipendente esente è disposto e in grado di lavorare, un datore di lavoro non può prelevare detrazioni dalla sua retribuzione quando il lavoro non è disponibile.

Se il datore di lavoro decide di chiudere una parte della giornata, ad esempio, se il tempo sta peggiorando e i funzionari statali o locali hanno dichiarato lo stato di emergenza, egli deve pagare agli impiegati esentati il ​​loro intero stipendio. Anche se non è stata dichiarata alcuna emergenza e il datore di lavoro decide di chiudere per preoccupazione per il benessere dei suoi dipendenti, il datore di lavoro non può imputare il salario.

Se il dipendente esente sceglie di prendersi una pausa durante un giorno di pioggia, un giorno di neve o un'altra emergenza e il datore di lavoro è aperto per lavoro, il datore di lavoro può richiedere l'uso di ferie, ferie pagate o altre ferie pagate maturate. Se il dipendente esente non è ancora idoneo a usufruire delle ferie retribuite maturate, il datore di lavoro può prelevare una detrazione dal suo stipendio per un'intera giornata di lavoro persa.

Un'altra opzione che potreste considerare è chiedere ai dipendenti di lavorare da casa se si sentono insicuri che entrano nel mondo del lavoro. Se il dipendente lavora da casa, il datore di lavoro non dovrebbe richiedere l'uso di ferie retribuite.

Ciò che può accadere in giorni di maltempo è che le scuole, i fornitori di asili nido e altri servizi si chiudono. Di conseguenza, un genitore potrebbe non essere in grado di lavorare da casa e utilizzare il tempo libero retribuito.

C'è un elemento di fiducia, anche se i manager che sanno come gestire i lavoratori del telelavoro possono monitorare la situazione individuale. Una politica di telelavoro che copre la disponibilità dei dipendenti, la comunicazione e altro è utile.

Paga per dipendenti inesperti per Snow Days, Rain Days ed Emergencies

Le regole sono diverse per i dipendenti non esenti o con retribuzione oraria. In generale, se un dipendente non esente non viene a lavorare per qualsiasi motivo, il datore di lavoro non ha bisogno di pagarlo. Se il datore di lavoro chiude l'attività per un giorno a causa di un giorno piovoso, di un giorno di neve o di altre emergenze, il datore di lavoro non deve pagare i dipendenti non esenti.

Considera, tuttavia, che ai dipendenti manchi il lavoro per motivi che non sono di loro competenza. I datori di lavoro dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di pagare i dipendenti per il giorno o parte della giornata. Questo gesto cementa le relazioni e comunica in modo efficace che il datore di lavoro si impegna per il benessere dei suoi dipendenti.

Tuttavia, se un datore di lavoro chiude la società per una giornata intera, deve pagare per le ore lavorate. In alcuni stati, un datore di lavoro deve pagare ai dipendenti un numero minimo di ore se hanno dichiarato di lavorare. Conoscere le leggi che regolano la giurisdizione in cui si trova la tua organizzazione.

Politica per i dipendenti inesperti per le giornate sulla neve, i giorni piovosi e le emergenze

I datori di lavoro devono sviluppare una politica su come gestiranno le ore di lavoro dei dipendenti e pagheranno in caso di pioggia, giorno di neve o altre emergenze. La politica meteorologica inclemente dovrebbe coprire:

  • cosa costituisce un giorno di tempo inclemente,
  • pagare per i dipendenti,
  • come saranno coperte le responsabilità lavorative,
  • in che modo saranno contattati i dipendenti e
  • linee guida per ciò che il dipendente deve fare quando un dipendente non riesce a farlo funzionare a causa del tempo.

La politica rende noti i fatti in modo che i dipendenti sappiano cosa aspettarsi quando si verificano inclementi meteorologici o altre emergenze. Fornisce inoltre ai dirigenti la richiesta di chiusura per condizioni meteorologiche avverse, indicazioni per il loro processo decisionale.

Ti interessa la logica e il pensiero alla base della creazione della politica? Vedere la motivazione per un tempo inclemente o un'altra politica di emergenza.

Disclaimer: Si prega di notare che le informazioni fornite, pur essendo autorevoli, non sono garantite per accuratezza e legalità. Il sito è letto da un pubblico mondiale e le leggi e le normative sull'occupazione variano da stato a stato e da paese a paese. Per favore cerca assistenza legale, o assistenza da parte di risorse governative statali, federali o internazionali, per accertarti che la tua interpretazione legale e le decisioni siano corrette per la tua posizione. Questa informazione è per guida, idee e assistenza.

Raccomandato
Come si termina una lettera commerciale è importante. È la tua ultima possibilità di fare una buona prima impressione sul tuo lettore. Scegli la chiusura sbagliata e potresti distruggere la buona volontà che hai accumulato nel resto della tua comunicazione. La tua chiusura deve lasciare al lettore sentimenti positivi su di te e sulla lettera che hai scritto. Ne
Dire che il college è costoso è un eufemismo enorme. Eppure per molti, per avere il tipo di carriera che vogliamo, è assolutamente necessario conseguire una laurea. Alcuni studenti entrano nell'università con l'occupazione che desiderano perseguire, qualcosa che si spera determinato seguendo i passi giusti. In
Il giusto formato di ripresa attirerà immediatamente l'attenzione del gestore assumente e chiarirà che sei il miglior candidato per il lavoro, mentre de-enfatizzi quegli aspetti della tua carriera che preferiresti non evidenziare. Alcuni formati di ripresa funzionano meglio di altri per la tua situazione.
Non farti travolgere dal licenziamento! Supponi di andare al lavoro ogni giorno e pensi davvero di fare un buon lavoro e un giorno all'improvviso vai al lavoro e ti viene detto che sei licenziato e che questo è il tuo ultimo giorno? Oggi abbiamo avuto questa conversazione con un ex-alunno appena diplomato l'anno scorso.
Una lettera di congratulazioni per qualsiasi situazione lavorativa Quando un collega o un collega d'affari ha un risultato da festeggiare, una lettera di congratulazioni o una nota scritta a mano è sempre apprezzata, sia che tu abbia il tempo di inviare una carta cartacea o una lettera o, in mancanza di questa ora, di una e-mail minuziosamente scritta.
Soprattutto lettere e video di dimissioni sgarbate e meschine abbondano online. Ricorda "Joey Quits" con cinque milioni di visualizzazioni su YouTube? È diventato virale, e 38.000 persone hanno dato a Joey DeFrancesco un complimento per aver lasciato il suo lavoro al Renaissance Hotel consegnando al manager una lettera di dimissioni mentre una banda musicale celebrava l'occasione.