Attività commerciale

Semplici modi per imparare ad amare il tuo lavoro

Forse il tuo lavoro si è sentito amore a prima vista, ma lentamente si è trasformato in una lotta, o forse l'hai accettato perché avevi bisogno di lavorare ma sapevi che la situazione non era l'ideale. Ad ogni modo, è possibile rianimare la tua relazione con il tuo lavoro. Se stai leggendo questo, hai già fatto il primo passo!

Dopotutto, anche il migliore dei posti di lavoro non sembra così grande con un atteggiamento negativo, quindi il fatto che tu stia cercando modi per migliorare la tua prospettiva significa che sei già sulla strada giusta. Ecco dieci semplici modi per imparare ad amare il tuo lavoro.

10 modi per imparare ad amare il tuo lavoro

1. Lavora con il tuo supervisore per fissare gli obiettivi. Il lavoro può sembrare un vero seccatore se non hai voglia di qualcosa per cui lottare. Collabora con il tuo supervisore per fissare obiettivi ragionevoli ma stimolanti che ti motiveranno e ti aiuteranno a fornire struttura e concentrazione per ogni giorno. Raggiungere questi obiettivi può anche aiutare a creare una leva per negoziare una promozione o un aumento di stipendio, o fornire margine di manovra per cambiare team, dipartimenti o ruoli lungo la strada.

2. Fai un elenco di quali aspetti del tuo attuale lavoro desideri migliorare, perché non puoi risolvere un problema finché non lo hai definito. Prenditi un po 'di tempo per schiarirti la testa e allontanarti da ogni pregiudizio o negatività. Quindi, imposta un timer per dieci minuti, per prima cosa annota tutto ciò che non ti piace del tuo lavoro. Essere il più specifici possibile. Considerando che "l'atmosfera distraente" oi "colleghi maleducati" sono entrambi troppo vaghi per risolvere i problemi, suddividerli in "scrivania vicino all'ascensore rende difficile mettere a fuoco" o "Seth in Marketing chiude sempre le mie idee nelle riunioni" può aiutare a chiarire il tuo prossimo passi.

Ad esempio, potresti parlare con il tuo supervisore di potenziale spostamento dello spazio della scrivania o ottenere l'approvazione per lavorare da casa un giorno a settimana, oppure potresti decidere di trovare un "compagno di riunione" che possa aiutarti a trovare spazio per parlare.

3. Scopri cosa ami davvero fare. In primo luogo, pensa intensamente al tuo lavoro e alle sue parti che ami. Niente è troppo grande o piccolo per questa lista. Quindi, brainstorming una descrizione del lavoro dei sogni. Se potessi agitare una bacchetta magica e avere un lavoro, quale sarebbe? Infine, cerca le sovrapposizioni. Considera di parlare con il tuo supervisore di fare di queste attività una parte più importante del tuo lavoro quotidiano. Se non ci sono sovrapposizioni, puoi cercare opportunità di trasferimento all'interno della tua azienda. Oppure, se la tua "descrizione del lavoro da sogno" comporta responsabilità per le quali non sei ancora qualificato, è il momento di fare un piano d'azione per capire come ci si può arrivare.

4. Non aver paura di chiedere supporto. Se ti senti sopraffatto, inondato di lavoro, o stai lottando con un aspetto particolare del tuo lavoro, non aver paura di consultare un collega o un manager fidato su come potresti essere in grado di trovare supporto. Scopri se possono aiutarti a capire come delegare il lavoro, pianificare le attività in modo che il tuo carico di lavoro sia più bilanciato o persino indirizzarti verso risorse (come la formazione o l'istruzione) che renderanno più gestibili quei compiti da incubo.

5. Espandi la tua rete. Anche se può sembrare che le sfide che affronti nel tuo specifico ruolo o settore siano uniche per te, è molto probabile che altri stiano vivendo la stessa identica cosa. Crea connessioni nel tuo campo partecipando a riunioni, eventi o conferenze del settore. Questo può aiutare a costruire un sistema di supporto che puoi consultare o semplicemente commiserare quando i tempi diventano difficili. Tieni presente che l'espansione della rete non deve necessariamente essere applicata alle persone esterne alla tua azienda. Puoi trarre grandi benefici costruendo relazioni con gli altri nella tua organizzazione.

6. Approfitta dei tuoi benefici. Quindi forse non ami il tuo lavoro, ma ci sono probabilmente vantaggi che sono facili da amare! Ad esempio, forse la tua assicurazione sanitaria copre le pratiche di auto-cura come il massaggio o l'agopuntura, o hai un budget tecnico per regalarti un nuovo monitor, o la tua azienda offre iscrizioni gratuite alla palestra per i suoi dipendenti. Potrebbero anche esservi dei benefici di cui non sei a conoscenza, quindi fai la dovuta diligenza per scoprire cosa è in offerta e quindi renderlo prioritario perseguirli.

7. Resta presente. È impossibile amare il tuo lavoro se stai curiosamente sfogliando Facebook, CNN o Amazon tutto il giorno. Cerca di rimanere presente e concentrati sul compito da svolgere. Se semplicemente non hai molto da fare, considera la possibilità di trovare un progetto parallelo su cui lavorare. Se hai molto da fare ma non riesci a concentrarti, imposta degli incrementi di tempo focalizzato e poi ricompensati con mini-break mentre fai le cose.

8. Creare uno spazio di lavoro ad alta vibrazione. Lascia la tua area di lavoro un make-over: sbarazzati di clutter, appendi una citazione ispiratrice o alcune foto di luoghi o persone che ami, acquista una nuova penna o un pianificatore che ti fa sorridere, porta un paio di cuffie in modo da poter ascoltare il tuo colonna sonora preferita, accendi una candela edificante, eccetera. Creando associazioni positive con il tuo spazio di lavoro, ti sentirai meglio ad entrare nel mondo del lavoro ogni giorno.

9. Fai un 'elenco di gratitudine' per il tuo lavoro. Scrivi tutte le piccole e grandi cose per le quali sei grato, dal bar al quale ti fermi mentre vai in ufficio al fatto che il tuo lavoro ti aiuta a sostenere la tua famiglia. Gli studi hanno dimostrato che elencare tutto ciò di cui sei grato può aiutarti a sentirti più ottimista riguardo alle circostanze attuali.

10. Ricorda perché hai accettato il lavoro in primo luogo. Ripensa all'offerta di lavoro iniziale e perché l'hai accettata. Forse stai facendo dei bei soldi, o lavori per una buona causa, o il tuo programma è flessibile, oi benefici sono grandi. Anche se le cose sono cambiate da allora, tenere a mente perché hai accettato l'offerta di lavoro (e ciò che è importante per te ora) può aiutarti a navigare nei tuoi prossimi passi, sia che stiano prendendo provvedimenti per migliorare il tuo lavoro o preparare un piano per trovarne uno nuovo .

Altre cose che puoi fare: cosa fare quando odia il tuo lavoro | Come gestirlo quando il lavoro non è quello che ti aspettavi

Raccomandato
Può essere necessario un po 'di tempo per scrivere una lettera di accompagnamento personalizzata per ogni lavoro per cui si presenta la domanda, ma è importante dedicare il tempo e gli sforzi per dimostrare all'azienda perché si sta facendo una buona corrispondenza. Ecco come personalizzare la tua lettera di presentazione quando fai domanda per un posto di lavoro. C
Quali sono le regole IRS che circondano l'occupazione contrattuale? Un appaltatore indipendente è una persona o un'azienda che svolge servizi, produce risultati o produce prodotti per un'azienda in base ad un accordo o contratto scritto o implicito. L'appaltatore indipendente non è soggetto al controllo o alla direzione del cliente, ad eccezione di quanto stabilito nel contratto.
Il tema della remunerazione degli amministratori delegati è molto popolare nella stampa economica e oggetto di una significativa copertura mediatica, dal momento che gli studi annuali sono pubblicati sul mercato. Poche lacrime sono versate per la capacità di guadagno dei massimi dirigenti delle principali società quotate in borsa: le imprese in cui i dati sono visibili e segnalati in modo affidabile nella documentazione azionaria e correlata. I
Nel libro The Peter Principle del 1969 , gli autori Dr. Laurence J. Peter e Raymond Hull proposero la teoria secondo cui i lavoratori in una struttura gerarchica vengono promossi al livello in cui sono incompetenti e rimangono a quel livello per il resto della loro carriera . Per estrapolazione, ciò significa che quasi tutti in una posizione di livello dirigenziale sono incompetenti.
Il modo migliore per dire addio quando vai avanti Hai trovato un nuovo lavoro e sei pronto per dare due settimane di preavviso al tuo attuale datore di lavoro. O hai perso il lavoro. Qual è il modo migliore per dire addio quando lasci un lavoro? Cominciando dall'inizio. Indipendentemente dalle circostanze della tua partenza, se stai per dimettermi, la tua prima responsabilità è di far sapere al datore di lavoro che ti stai dimettendo. È
Le seguenti lettere di accompagnamento e i modelli di lettera di presentazione sono progettati appositamente per gli studenti delle scuole superiori, così come per gli studenti universitari e neolaureati in cerca di lavoro. Se sei uno studente o un neolaureato, potresti non avere molta esperienza nel mondo del lavoro.