Attività commerciale

Domande per l'intervista sull'aggiornamento delle tue competenze

Stai per lasciare un lavoro che non ti piace, e ti stai preparando a intervistare per un posto di lavoro in un'azienda che pensi sia la testa a testa sopra la tua attuale compagnia. Va bene essere entusiasti della nuova opportunità, ma è fondamentale procedere con cautela quando l'intervistatore pone domande che richiedono di confrontare il tuo lavoro corrente con quello che speri di ottenere. Prenditi un momento per pensare prima di rispondere a domande del tipo "Come è la nostra azienda migliore del tuo attuale datore di lavoro?"

Quando è stata fatta questa domanda, un candidato può dire all'intervistatore che la società per cui lavora è semplicemente orribile. Forse lui o lei parla di come la compagnia tratti terribilmente gli impiegati, e lui o lei odia lavorare lì. Ma cosa succederebbe se la sua attuale compagnia dovesse essere un grande cliente dell'azienda in cui spera di trovare un lavoro? È improbabile che un candidato in questa situazione venga assunto - e non importa se lui o lei sta dicendo la verità o no. Con quel tipo di atteggiamento, non c'è proprio modo che lui o lei possano avere avuto una relazione positiva con il cliente se lui o lei odiava lavorare per loro.

Un invito a differenziare il tuo attuale datore di lavoro dalla tua futura azienda presenta una potenziale trappola, anche se molto allettante. L'intervistatore potrebbe metterti alla prova per determinare se hai un atteggiamento negativo o difficoltà con l'autorità.

Inoltre, lui o lei valuterà se hai fatto i compiti e hai aspettative realistiche per l'organizzazione dell'intervistatore. Quindi, anche se non vuoi dire cose brutte sul tuo attuale datore di lavoro, non dovresti glorificare neanche il prossimo.

Come rispondere alle domande sul tuo attuale datore di lavoro

Una chiave per rispondere a questa domanda è assicurarsi di avere una visione accurata dell'azienda dei gestori delle assunzioni. Devi sapere che qualsiasi cosa tu ritenga potenzialmente vantaggiosa in realtà rispetta la legge.

Fai qualche ricerca sulla compagnia e non esagerare con la nuova opportunità con la speranza che l'intervistatore cada per il tuo entusiasmo entusiasmante. Lui o lei saprà se sei irrealistico.

Un'altra chiave è fare attenzione a non menzionare alcuna informazione negativa sulla vostra attuale compagnia. Mantenerlo positivo ha più senso in questa situazione, anche se la tua esperienza lavorativa non è, o non era, la migliore. L'approccio più sicuro è quello di inquadrare il tuo attuale datore di lavoro in modo positivo, e quindi notare come il potenziale datore di lavoro è ancora più attraente per te.

Mantenere sempre la risposta positiva

Un modo per raggiungere questo obiettivo è menzionare le caratteristiche positive della nuova azienda che si basano, ma superano, anche gli aspetti positivi della tua attuale azienda. Ad esempio, potresti dire:

"Come venditore, sono molto preoccupato di come i consumatori percepiscono la qualità dei prodotti che vendo. Il mio attuale datore di lavoro ha una solida reputazione per la qualità, ma la tua azienda è universalmente riconosciuta come leader del settore in termini di qualità e servizio. Mi piacerebbe far parte della tua squadra. "

Attenersi ai fatti ed evitare qualsiasi campagna pubblicitaria

Attenersi ai fatti è importante, e questo significa evitare riferimenti a considerazioni soggettive come la qualità del management e della leadership.

Non è necessario denigrare il tuo attuale datore di lavoro o mettere il potenziale datore di lavoro su un piedistallo. Sii realista. Ad esempio, potresti dire:

"Sono entusiasta che la tua azienda abbia introdotto tre nuovi prodotti lo scorso anno che hanno guadagnato trazione e ottenuto una maggiore quota di mercato.La mia attuale azienda è in una fase più stabile, produce marchi noti e rispettati, ma non ha aperto nuove mercati “.

Rendilo professionale non personale

La tua enfasi dovrebbe essere posta su aspetti della società che ti permettano di essere produttivi a livello professionale. Ad esempio, potresti dire:

"Ho capito che investi considerevoli risorse nella formazione dei dipendenti per utilizzare le ultime tecnologie."

Una dichiarazione del genere non è emotiva, non dice nulla di male sulla tua attuale compagnia e, mentre mette il potenziale datore di lavoro in una luce positiva, non è ridicolo e arrogante.

Cosa non dire quando rispondi a questa domanda

È meglio evitare riferimenti a caratteristiche della cultura aziendale che siano di beneficio personale. Ad esempio, "Trovo che la capacità di lavorare da casa e la tua generosa politica di vacanza sia molto attraente", non è una buona risposta, perché si concentra sui tuoi bisogni e non sull'azienda stessa.

Non vuoi che il responsabile delle assunzioni pensi che l'unica ragione per cui vuoi che il lavoro sia dovuto a come ti avvantaggia personalmente. Naturalmente, i potenziali benefici personali che un nuovo lavoro potrebbe offrire sono importanti, non è qualcosa da sollevare durante un colloquio di lavoro.

Invece, stai molto meglio concentrandoti su come la nuova posizione ti avvantaggerà professionalmente piuttosto che sui benefici personali che sperimenterai se assunti. Quindi, il tuo miglior passo successivo è quello di spiegare in che modo assumi la tua azienda.


Articoli Interessanti
Raccomandato