Attività commerciale

Violenza sul posto di lavoro: la violenza può accadere sul posto di lavoro

Ecco i fatti e le statistiche che devi conoscere sulla violenza sul posto di lavoro

Un pericolo molto reale, chiaro e presente si nasconde appena oltre la coscienza di persone che lavorano insieme da otto a dieci ore al giorno, da cinque a sette giorni alla settimana. È il potenziale per la violenza sul posto di lavoro nel tuo posto di lavoro.

Sempre più spesso, la funzione Risorse umane è l'obiettivo di queste minacce di violenza sul posto di lavoro e la prima linea di difesa dell'organizzazione per la prevenzione della violenza sul posto di lavoro.

Cosa causa la violenza sul posto di lavoro? È più probabile che si verifichino azioni violente sul lavoro? Quali azioni o cambiamenti dicono a un'organizzazione che un individuo ha il potenziale per commettere un atto violento al lavoro? Questo articolo sulla violenza sul posto di lavoro risponde a queste domande per la salute e la sicurezza dei tuoi dipendenti.

Le statistiche e i fatti sulla violenza sul posto di lavoro secondo il Bureau of Labor Statistics

Secondo il Censimento nazionale degli infortuni mortali (CFOI) del Bureau of Labor Statistics (BLS):

"La violenza sul luogo di lavoro - compresi aggressioni e suicidi - ha rappresentato il 15% di tutti gli infortuni mortali professionali legati al lavoro nel 2015 (vedi Diapositiva 3 del Pacchetto grafico CFOI 2015) in base ai dati .. Nel loro articolo" Omicidi legati al lavoro: i fatti ", "Eric Sygnatur e Guy Toscano osservano che" Contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte di questi incidenti non sono crimini di passione commessi da colleghi e coniugi scontenti, ma piuttosto dai furti ". Vedi questa tabella per gli ultimi dati sugli omicidi sul luogo di lavoro.

"Nel 2015, ci sono stati 16.380 casi non mortali di lesioni intenzionali da parte di persone che richiedevano giorni di assenza dal lavoro nell'industria privata, ma questo rappresentava solo il 2% di tutti gli infortuni e le malattie non mortali nell'industria privata (cfr. Tabella R31.) "

"Nel 2015 ci sono stati circa 2, 9 milioni di infortuni e malattie sul lavoro non fatali segnalati dai datori di lavoro dell'industria privata nel 2015, con un tasso di 3, 0 casi ogni 100 lavoratori a tempo pieno equivalenti, mentre il tasso 2015 continua con un declino che, a parte il 2012, si è verificato per gli ultimi 13 anni, i datori di lavoro dell'industria privata hanno riportato quasi 48.000 casi di lesioni e malattie non fatali nel 2015 rispetto a un anno prima ".

Statistiche e fatti sulla violenza sul luogo di lavoro Per l'indagine sulla vittimizzazione del crimine nazionale

Secondo il National Crime Victimization Survey (NCVS), ogni anno si verificano 2 milioni di aggressioni e minacce di violenza contro gli americani sul posto di lavoro. Il tipo più comune di violenza sul posto di lavoro è stato l'assalto con una media di 1, 5 milioni di aggressioni sul posto di lavoro che si verificano ogni anno.

Violenza sul posto di lavoro si è verificata come segue: 396.000 aggressioni aggravate, 51.000 stupri e violenze sessuali, 84.000 rapine e 1.000 omicidi sono stati segnalati. Queste cifre probabilmente non raggiungono il numero effettivo di atti di violenza sul posto di lavoro che, di fatto, si sono verificati sul lavoro in quanto non tutti gli atti di violenza sul posto di lavoro vengono segnalati.

Per rendere accurate le statistiche sulla violenza sul posto di lavoro è difficile, perché non tutti i dipendenti segnalano la violenza sul posto di lavoro ai loro datori di lavoro molto meno alle agenzie governative che seguono le statistiche sulla violenza sul posto di lavoro.

Luoghi di lavoro che sono inclini alla violenza sul posto di lavoro

I mezzi di informazione tendono a sensazionalizzare atti di violenza sul posto di lavoro che coinvolgono i colleghi, recentemente e specificamente, casi che coinvolgono uno sparatutto attivo. Nel sensazionalizzare gli episodi di violenza sul posto di lavoro, rimuovono l'enfasi dagli obiettivi più importanti per i programmi di sicurezza sul posto di lavoro.

Gli episodi di violenza sul posto di lavoro che si verificano sono molto più comuni in determinati settori e in specifiche occupazioni. In realtà, il motivo più comune per gli omicidi legati al lavoro è la rapina, che rappresenta l'85% delle morti per violenza sul posto di lavoro. Le persone che sono impiegate per vendere prodotti o agire in questioni di sicurezza in attività pubbliche sono più inclini a subire violenze sul posto di lavoro.

Dove sono i rischi di violenza sul posto di lavoro più gravi?

L'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) fornisce informazioni che illustrano che chiunque può diventare vittima di un attacco sul posto di lavoro, ma i rischi sono maggiori per la violenza sul posto di lavoro in determinati settori e professioni. L'industria dei taxi ha il più alto rischio di violenza sul posto di lavoro, circa 60 volte la media nazionale per la potenziale violenza sul posto di lavoro.

Altre attività a maggior rischio includono polizia, detective, sceriffi, addetti alla stazione di servizio e guardie di sicurezza. Nello studio NCVS, descritto in precedenza, gli addetti alle vendite al dettaglio erano le vittime più numerose, con 330.000 attacchi ogni anno.

Sono stati seguiti dalla polizia, con 234.200 agenti vittimizzati. Le controversie tra colleghi e con clienti e clienti hanno rappresentato circa un decimo delle incidenze totali di violenza sul posto di lavoro all'anno.

Le lesioni da lavoro più fatali sono risultate da incidenti di trasporto che da qualsiasi altro evento nel 2014. Gli incidenti da strada hanno provocato da soli un infortunio mortale su un quarto.

Pertanto, mentre questo articolo sottolinea che la violenza può accadere tra colleghi, nessun processo di sicurezza responsabile sul posto di lavoro può ignorare il fatto che la violenza è più probabile che provenga dall'esterno del posto di lavoro immediato.

Né può ignorare il fatto che, secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, nel 2016, "i ladri erano il tipo più comune di aggressore di omicidi legati al lavoro per gli uomini e il secondo più comune per le donne. gli omicidi correlati che coinvolgevano le donne erano un parente o un parente domestico ".

Riconoscere il potenziale per la violenza sul posto di lavoro

Larry Porte, ex agente dei servizi segreti e ex manager della divisione Threat Response e Asset Protection di Kerby Bailey and Associates, afferma che la violenza sul posto di lavoro è un processo che non si verifica nel vuoto. "La violenza è il prodotto di un'interazione tra tre fattori:

  • "l'individuo che intraprende azioni violente;
  • "lo stimolo o le condizioni scatenanti che portano la persona a vedere la violenza come una 'via d'uscita';
  • "un ambiente che facilita o permette la violenza, un contesto in cui vi è una mancanza di intervento".

Porte afferma che gli autori di violenze sul posto di lavoro hanno di solito uno di questi motivi. La persona responsabile della violenza sul luogo di lavoro vuole:

  • "raggiungere notorietà o fama;
  • "porta l'attenzione del mondo su un problema personale;
  • "vendicare un torto percepito, o
  • "Termina il suo dolore personale, per essere ucciso."

Crede che gli attacchi sul posto di lavoro "sono il prodotto di processi di pensiero e comportamento comprensibili e spesso riconoscibili".

In un documento che elenca otto casi di violenza sul posto di lavoro verificatisi nel 2017, Bryan Strawser di Bryghtpath afferma: "Lavorando insieme per combattere la violenza sul posto di lavoro, la sfida più grande è che non ci sono due incidenti identici. gli impiegati di rapina cercano qualcuno che decide di averne abbastanza.

"Poiché questi incidenti sono quasi impossibili da prevedere, è importante sviluppare una forte formazione e politiche sulla violenza sul posto di lavoro in modo che i dipendenti sappiano come individuare i segnali di allarme precoce e reagire in modo appropriato quando si verifica una situazione."

Segnali di avvertimento che un dipendente potrebbe diventare violento

La dott.ssa Lynne McClure, esperta riconosciuta a livello nazionale nella gestione dei comportamenti dei dipendenti ad alto rischio prima che degenerino in violenza sul luogo di lavoro, definisce questi processi distinguibili in un modo più comprensibile. Dice che ci sono otto categorie di segnali di pericolo che segnalano il potenziale di violenza sul posto di lavoro.

Supervisori, manager, colleghi e professionisti delle risorse umane devono conoscere questi segnali di potenziale violenza sul posto di lavoro. Sono facili da perdere quando si osservano i colleghi e non sono sempre predittivi di azioni violente.

A seguito di un'incidenza di comportamenti violenti sul luogo di lavoro, tuttavia, i colleghi spesso si rendono conto di aver visto segni e cambiamenti nel comportamento di un collega prima dell'evento e non hanno agito. In effetti, la formazione nel riconoscere i segni di potenziali violenze sul posto di lavoro nel comportamento dei colleghi è una delle opportunità principali che le organizzazioni hanno per la prevenzione della violenza sul posto di lavoro.

8 comportamenti che possono prevedere atti di violenza sul posto di lavoro

Nel suo libro "Risky Business: Managing Employee Violence in the Workplace", McClure descrive otto categorie di comportamenti ad alto rischio che indicano la necessità di un intervento di gestione. Dice che questi comportamenti ad alto rischio sono comportamenti quotidiani che si verificano in determinati modelli, si verificano molto prima delle minacce o della violenza sul posto di lavoro.

Le otto categorie di violenza sul posto di lavoro che McClure identifica sono le seguenti:

  • Comportamento degli attori: l'impiegato esprime la propria rabbia con azioni come urla, urla, sbattere porte, lanciare oggetti e così via.
  • Comportamenti frammentari: il dipendente non si assume alcuna responsabilità per le sue azioni e non vede alcuna connessione tra ciò che fa e le conseguenze o i risultati delle sue azioni. Ad esempio, incolpa gli altri per i suoi errori.
  • Me-First Comportamenti: l'impiegato fa ciò che vuole, indipendentemente dagli effetti negativi sugli altri. Ad esempio, il dipendente si prende una pausa durante una corsa all'ultimo minuto per portare i prodotti a un cliente, mentre tutti gli altri dipendenti stanno lavorando sodo.
  • Comportamenti Mixed-Messenger: l'impiegato parla positivamente ma si comporta in modo negativo. Ad esempio, il dipendente agisce in modo passivo-aggressivo dicendo che è un giocatore di squadra, ma poi si rifiuta di condividere le informazioni con i colleghi.
  • Comportamenti del bastone di legno: il dipendente è rigido, inflessibile e controllabile. Non tenterà nuove tecnologie, vorrà essere responsabile o rifiuterà intenzionalmente le informazioni.
  • Comportamenti Escape-Artist: il dipendente affronta lo stress mentendo e / o prendendo parte a comportamenti di dipendenza come droghe o gioco d'azzardo.
  • Comportamenti Shocker: il dipendente agisce improvvisamente in modi fuori dal personaggio e / o intrinsecamente estremi. Ad esempio, un individuo di solito affidabile non riesce a presentarsi o chiamare in malattia per lavoro. Una persona esibisce un nuovo modello di presenze.
  • Comportamenti più strani: il dipendente è remoto, ha scarse abilità sociali, si fissa su un'idea e / o su un individuo.

Secondo McClure, "Quando il manager, il supervisore o la persona HR vedono questi modelli comportamentali, deve documentare, parlare con il dipendente, discutere i comportamenti in termini di effetti negativi sul lavoro e richiedere formazione, consulenza o entrambi. anche vedere la necessità di un'azione disciplinare.

"Il manager, il supervisore o la persona responsabile delle risorse umane devono quindi continuare a monitorare il comportamento del dipendente, allo scopo di indurre il dipendente a modificare il proprio comportamento, acquisendo competenze e / o affrontando problemi, o lasciando il posto di lavoro per scelta o decisione aziendale ".

Altri fattori e predittori da osservare nel comportamento sul posto di lavoro

Haig Neville in "Trattare con la violenza sul posto di lavoro" mette in evidenza molti altri problemi. "Uno studio del" New York Times "su 100 omicidi di rapina ... ha scoperto che la maggior parte degli assassini è scesa a spirale lungo una scivolata lunga, mentalmente ed emotivamente". Secondo lo studio, la maggior parte degli assassini ha dato più segni di essere nei guai ".

Con questo in mente, i datori di lavoro dovrebbero essere attenti ad alcuni dei predittori di comportamento violento. Questi includono "dipendenti che: usano intimidazioni, parlano di armi, mostrano comportamenti paranoici o antisociali, sentono che non vengono ascoltati dalla compagnia, esprimono estrema disperazione, hanno una storia di violenza, sono solitari che non si adattano con il gruppo. "

In un'intervista con Eric Snyder, ex presidente e CEO di TCM, Inc., McClure ha dichiarato che almeno tre di questi avvertimenti sono stati omessi prima dell'assassinio di sette dipendenti presso la Edgewater Technology a Wakefield, Massachusetts, il 26 dicembre 2000. (The atto che ha ispirato i molteplici omicidi, tra cui l'omicidio di due membri dello staff delle risorse umane, era il requisito dell'IRS che la società pignorasse le retribuzioni di Michael McDermott.)

McClure afferma che in seguito abbiamo appreso che il dipendente era sotto cura psichiatrica e assumeva farmaci. Prima delle uccisioni, tuttavia, mostrò un comportamento frammentato; lo vedeva come la responsabilità dell'azienda di proteggerlo dall'IRS. Mostrò un comportamento scioccante in cui le sue azioni erano estreme e fuori dal personaggio.

La settimana prima degli omicidi, "McDermott ha avuto uno sfogo rabbioso al lavoro, che era per lui estremo e fuori dal personaggio." Alla fine, McDermott esibì un comportamento scioccante; "Sembra essere stato remoto, e si è fissato sull'IRS e sul ruolo dell'azienda nel proteggerlo dall'IRS".

I costi e l'impatto della violenza sul posto di lavoro

The Workplace Violence Research Institute stima i costi della violenza sul posto di lavoro per le imprese statunitensi a $ 36 miliardi all'anno. Neville afferma: "I costi comprendono assistenza medica e psichiatrica, perdita di affari e produttività, riparazioni e pulizia, tassi di assicurazione più elevati, maggiori costi di sicurezza e, peggio ancora, la perdita di dipendenti valutati.

Inoltre, gli imprenditori sono sempre più ritenuti responsabili per non rendere i loro locali sicuri per dipendenti e clienti. Le potenziali aree del contenzioso relativo alla violenza sul luogo di lavoro che dovrebbero riguardare i datori di lavoro comprendono azioni civili per assunzioni negligenti, richieste di risarcimento per i lavoratori, richieste di risarcimento danni da parte di terzi, violazione delle norme sulla privacy e accuse di violazione dell'OSHA.

Passi chiave per prevenire la violenza sul posto di lavoro

La violenza sul posto di lavoro può accadere qui. La violenza sul posto di lavoro può accadere a te oa qualcuno che ami. Se sei consapevole e attento alla violenza sul posto di lavoro e ai suoi segnali nei dipendenti, tuttavia, puoi anticipare e intraprendere azioni che potrebbero impedirne il verificarsi.

  • Inizia adottando una politica di tolleranza zero verso qualsiasi atto di violenza sul posto di lavoro.
  • Conosci i tuoi dipendenti; sapere quando il comportamento dei dipendenti è fuori dall'ordinario.
  • Ci si aspetta che i supervisori del treno, i manager e altri lavoratori che riportano un comportamento insolito dei dipendenti alle risorse umane e un'azione positiva e responsabile.
  • Assicurati che lo staff delle risorse umane agisca in merito a qualsiasi segnalazione di comportamento insolito dei dipendenti.
  • Nel manuale del dipendente, stabilite le politiche e le procedure sul posto di lavoro che vietano tutti i comportamenti violenti e assegnano rigide sanzioni a qualsiasi dipendente che violi la politica.
  • Se un dipendente viola la politica, agire rapidamente per rimuovere la persona dal posto di lavoro tramite sospensione e, più frequentemente, la cessazione del rapporto di lavoro.
  • Lasciate che qualsiasi dipendente licenziato sappia che se vengono visti sul posto di lavoro in qualsiasi momento in futuro, chiamerete la polizia e li caricherete per sconfinamento.
  • Proteggi i tuoi luoghi di lavoro. Accertati che solo i dipendenti e i fornitori designati possano entrare nel tuo posto di lavoro con una chiave o una carta di credito.
  • Creare un piano d'azione di emergenza in modo che, nel caso di violenza sul posto di lavoro, ogni dipendente abbia una strategia di uscita.
  • Conduci esercizi di addestramento simulato con i tuoi funzionari di polizia locali.
  • Fermare la spirale che può provocare violenza; consegnare la persona potenzialmente violenta da qualche parte in cerca di aiuto come un Employee Assistance Program (EAP).

Ricorda, la violenza sul posto di lavoro può accadere a te oa qualcuno che ami. Scopri come affrontare la tragedia sul posto di lavoro.

Disclaimer: Si prega di notare che le informazioni fornite, pur essendo autorevoli, non sono garantite per accuratezza e legalità. Il sito è letto da un pubblico mondiale e le leggi e le normative sull'occupazione variano da stato a stato e da paese a paese. Per favore cerca assistenza legale, o assistenza da parte di risorse governative statali, federali o internazionali, per accertarti che la tua interpretazione legale e le decisioni siano corrette per la tua posizione. Questa informazione è per guida, idee e assistenza.


Articoli Interessanti
Raccomandato
Gli assistenti personali sono simili agli assistenti esecutivi o agli assistenti d'ufficio in quanto svolgono tutti compiti di tipo amministrativo di routine in modo che qualcun altro non debba farlo. È probabile che i compiti includano lo screening o la risposta a telefonate, lettere ed e-mail, la gestione degli orari e l'assunzione di appunti alle riunioni.
Un truccatore fa di tutto per rendere Cameron Diaz completamente impeccabile nel trasformare Arnold Schwarzenegger in un Terminator . È una parte essenziale dell'industria dell'intrattenimento in quanto aiuta a dare vita a un personaggio rendendoli più tridimensionali. Un attore ha molto più facile essere in grado di impegnarsi in un ruolo se crede veramente di essere stato trasformato nel personaggio che sta interpretando. Q
Ogni anno a luglio, decine di migliaia di laureati in giurisprudenza siedono per l'esame del bar. Ora cosa? Se non ti sei ancora assicurato un lavoro legale, non devi semplicemente sederti e aspettare i risultati della tua barra (che, in alcuni casi, potrebbero non arrivare per quattro mesi!). Spostare la tua carriera legale in avanti Continua a candidarti per un lavoro
Scopri cosa serve per fare un lavoro in scienze forensi Ben prima che Sir Arthur Conan Doyle abbia scritto la sua prima storia su Sherlock Holmes, la gente è rimasta affascinata da come la scienza e la ragione possano essere applicate alla risoluzione di un crimine. Poiché la tecnologia e i metodi hanno avanzato la nostra capacità di rilevare e analizzare le prove, i lavori in scienze forensi sono diventati carriere praticabili. L
In genere, è un'idea migliore per estinguere il debito piuttosto che risparmiare denaro. Di solito paghi più interessi di quelli che otterresti sul tuo conto di risparmio. Tuttavia, se il tuo reddito è a rischio, è meglio scartare quanti più soldi possibile per prepararsi all'evento. Ci sono altre volte in cui dovresti risparmiare prima di pagare il tuo debito. Dov
Quante chiamate a freddo hai fatto la scorsa settimana? Se non puoi rispondere a questa domanda con un numero esatto, hai un problema. Non è possibile migliorare costantemente la tua performance se non sai quanto bene stai facendo in questo momento. Questo è un dato di fatto in tutte le aree in cui hai un obiettivo, non solo nelle vendite.