Attività commerciale

Suggerimenti per aiutarti ad andare d'accordo con il tuo capo

Suggerimenti per la gestione di un rapporto Boss efficace

Ad un certo punto o nell'altro nella tua carriera, farai rapporto a un manager, la persona che con affetto o no chiama boss. Le relazioni che crei e gestisci, sia con il tuo capo diretto che con gli altri dipendenti dell'azienda, sono fondamentali per il tuo successo lavorativo e per il progresso della tua carriera.

E, affrontalo, che ti piaccia o no, sei responsabile del tuo rapporto con il tuo capo. Nessuno potrà mai condividere la stessa preoccupazione che si fa per il fatto che la qualità della relazione ti aiuta a raggiungere i tuoi obiettivi.

Allo stesso tempo, il tuo capo ha informazioni che ti servono per avere successo. Non può fare il suo lavoro o realizzare i suoi obiettivi senza il tuo aiuto.

Quindi, il tuo manager condivide un'interdipendenza critica con te. Se non svolgi il tuo lavoro, il tuo manager non brillerà mai per le sue responsabilità generali. Non progredirai senza le informazioni, la prospettiva, l'esperienza e il supporto del tuo manager.

Pur sapendo questo, i manager arrivano in ogni dimensione e con tutti i possibili livelli di abilità ed efficacia. Alcuni manager sono solo brutti padroni; altri non sono consapevoli di ciò di cui hanno bisogno da loro. La gestione è impegnativa, ma alla fine vale la pena.

Come sviluppare un rapporto efficace con il tuo capo

Questi passaggi ti aiuteranno a sviluppare una relazione positiva, continua e di supporto con il tuo capo: una relazione che ti sta bene, il tuo manager e, di conseguenza, la tua organizzazione.

1. Il primo passo verso la gestione è sviluppare una relazione positiva con il tuo capo . Le relazioni sono basate sulla fiducia.

Fai quello che dici che farai. Mantenere gli impegni nella timeline. Non accecare mai il tuo manager con sorprese che potresti aver previsto o prevenuto. Tienila informata sui tuoi progetti e interazioni con il resto dell'organizzazione.

Dì al capo quando hai commesso un errore o uno dei tuoi collaboratori ha commesso un errore. Le coperture non contribuiscono a una relazione efficace. Le menzogne ​​o gli sforzi per indurre in errore provocano sempre ulteriore stress per te mentre ti preoccupi di essere "preso" o in qualche modo di scivolare nella consistenza della tua storia. Comunicare quotidianamente o settimanalmente per costruire la relazione.

Conosci il tuo manager come persona - dopotutto è una, dopo tutto. Lei condivide l'esperienza umana, proprio come te, con tutte le sue gioie e dolori.

2. Riconoscere che il successo sul lavoro non riguarda solo te; metti le esigenze del tuo capo al centro del tuo universo . Identifica le aree di debolezza o le maggiori sfide del tuo capo e chiedi che cosa puoi fare per aiutarti. Quali sono le maggiori preoccupazioni del tuo capo; come può il tuo contributo mitigare queste preoccupazioni?

Comprendi gli obiettivi e le priorità del tuo capo. Metti l'accento nel tuo lavoro per abbinare le sue priorità. Pensa in termini di successo generale del tuo dipartimento e della tua azienda, non solo del tuo mondo più ristretto al lavoro.

3. Cerca e concentrati sulle parti "migliori" del tuo capo ; quasi ogni capo ha sia punti buoni che negativi. Quando sei negativo riguardo al tuo capo, la tendenza è concentrarsi sui suoi tratti peggiori e sui suoi difetti.

Questo non è né positivo per la felicità del tuo lavoro, né le tue prospettive di successo nella tua organizzazione.

Invece, fai i complimenti al tuo capo per qualcosa che fa bene. Fornisci un riconoscimento positivo per i contributi al tuo successo. Rendi prezioso il tuo capo. Non è questo quello che vuoi da lui per te?

4. È improbabile che il tuo capo cambi; lei può scegliere di cambiare, ma la persona che si presenta al lavoro ogni giorno ha impiegato anni e anni di sforzi da parte sua per creare. E, chi è il tuo capo ha lavorato per lei in passato e rafforzato le sue azioni e credenze.

Invece di cercare di cambiare il tuo capo, concentrati sul tentativo di capire lo stile di lavoro del tuo capo . Identifica ciò che valuta in un dipendente. Le piacciono le comunicazioni frequenti, i dipendenti autonomi, le richieste scritte prima delle riunioni o le conversazioni informali mentre passi nel corridoio?

Le preferenze del tuo capo sono importanti e quanto meglio le capisci, tanto meglio lavorerai con lei.

5. Imparare a leggere gli stati d'animo e le reazioni del proprio capo è anche un approccio utile per comunicare in modo più efficace con lui. Ci sono momenti in cui non vuoi introdurre nuove idee; se è preoccupato di fare numeri di questo mese, la tua idea per un miglioramento di sei mesi potrebbe non essere tempestiva.

I problemi a casa o un parente in condizioni di salute deficitarie influenzano ciascuno dei tuoi comportamenti sul posto di lavoro e l'apertura a una discussione di miglioramento. Inoltre, se il tuo capo reagisce regolarmente allo stesso modo a idee simili, esplora ciò che fondamentalmente le piace o non le piace delle tue proposte.

6. Impara dal tuo capo . Anche se alcuni giorni potrebbe non sembrare così, il tuo capo ha molto da insegnarti. Apprezzo il fatto che sia stata promossa perché la tua organizzazione ha trovato utili aspetti del suo lavoro, delle sue azioni e / o dello stile di gestione.

Le promozioni sono generalmente il risultato di un lavoro efficace e di contributi di successo. Quindi, fai domande per imparare e ascoltare più di quanto parli per sviluppare un rapporto efficace con il tuo capo.

7. Chiedi al tuo capo per un feedback . Lascia che il capo svolga il ruolo di allenatore e mentore.

Ricorda che il tuo capo non può leggere la tua mente. Permettigli di offrirti riconoscimenti per la tua eccellente performance. Assicurati che lui sappia cosa hai realizzato. Crea uno spazio nella conversazione per lodarlo e ringraziarlo.

8. Valuta il tempo del tuo capo . Cerca di pianificare, almeno, un incontro settimanale durante il quale sei preparato con un elenco di ciò che ti serve e delle tue domande. Ciò gli consente di svolgere lavori senza interruzioni regolari.

9. Lega il tuo lavoro, le tue richieste e la direzione del tuo progetto agli obiettivi generali del tuo capo e dell'azienda . Quando fai proposte al tuo capo, prova a vedere l'immagine più grande. Ci sono molte ragioni per cui il tuo suggerimento potrebbe non essere adottato: risorse, tempo, obiettivi e visione. Mantenere la massima riservatezza

10. Nel tuo rapporto con il tuo capo, a volte non sarai d'accordo e occasionalmente sperimenterai una reazione emotiva . Non tenere rancore. Non fare minacce sulla partenza. Il disaccordo va bene; la discordia non è. Farsene una ragione. Devi fare i conti con il fatto che il tuo capo ha più autorità e potere di te. È improbabile che tu ottenga sempre la tua strada.

Usa questi suggerimenti per costruire un rapporto potentemente efficace con il tuo capo.


Raccomandato
Quando si tratta di conoscere le qualità dei grandi leader, ci sono liste infinite, articoli, libri, studi di ricerca e modelli di competenze a cui fare riferimento. Così tanti, infatti, che è opprimente per chiunque aspiri a conoscere la leadership e come diventare un leader migliore. Per complicare le cose, la leadership è un termine difficile da definire, proprio come il concetto di strategia. Ch
Il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha una categoria di lavoro chiamata analista di gestione che dice che è sinonimo di consulente di gestione. A partire da maggio 2012, il pagamento mediano per gli analisti di gestione era di $ 78.600 e il 90% guadagnato tra $ 44.370 e $ 142.580. Tuttavia, si noti che il campo, come definito dal BLS, comprende un numero di specialità molto ristrette, compresi i campi altamente tecnici in cui il governo federale è il principale cliente. D
Profilo professionale e informazioni su Elena Kagan Aggiornamento : il 5 agosto 2009, Elena Kagan è stata confermata dal Senato con un voto di 63-37, rendendola la quarta donna a sedere in alta corte. Il 10 maggio 2010, il presidente Obama ha nominato Elena Kagan come presidente della 112a Corte Suprema degli Stati Uniti.
In questi giorni ogni ramo del servizio sfrutta i velivoli senza pilota (UAV) per estendere la loro portata sul campo di battaglia limitando il rischio per la vita e gli arti. E anche se i Marines devono diventare ufficiali incaricati di pilotare aerei con equipaggio, i Marines appena usciti dal liceo hanno l'opportunità di pilotare attrezzature aviazione all'avanguardia - anche se solo da remoto - come operatori UAV in Military Occupational Specialty (MOS) 7314.
Marine Corps Job Descriptions: The Mortarman (0341) Un mortaio è un soldato che gestisce un ordigno chiamato mortaio. Mortarmen negli Stati Uniti Marines è l'unità che è principalmente responsabile per l'impiego tattico della malta leggera da 60 mm e della malta media da 81 mm. Forniscono fuoco indiretto a supporto del fucile e dei quadricipiti, dei plotoni e delle compagnie di armamento leggero o LARS leggero, nonché dei battaglioni di fanteria e LAR. I M
La cerimonia del ritiro ha un duplice scopo. Segnala la fine del giorno di servizio ufficiale e funge da cerimonia per il rispetto della bandiera. Poiché il tempo per la fine della giornata di dovere varia, il comandante designa il momento specifico per la cerimonia della ritirata. La cerimonia di ritiro può svolgersi nell'area dell'unità, sulla base della parata di base o nelle vicinanze dell'ala bandiera. S