Attività commerciale

Domande e risposte sulla gravidanza e l'occupazione

Se hai un bambino in arrivo, dovrai conoscere le interviste durante la gravidanza, quando dire al tuo datore di lavoro che stai avendo un bambino, la gravidanza e la legge sulla disabilità, e i modi migliori per gestire la gravidanza e l'occupazione.

Assicurati di sapere quali sono i tuoi diritti in qualità di lavoratrice gestante, e di esaminare le leggi federali e statali, nonché la politica della tua azienda in merito alla gravidanza e al congedo familiare.

Linee guida sulla discriminazione in gravidanza da parte dell'EEOC

La commissione per le pari opportunità di lavoro (EEOC) ha recentemente aggiornato e modificato le linee guida per l'applicazione della discriminazione in caso di gravidanza.

Il Pregnancy Discrimination Act (PDA) del 1978 stabilisce che le donne affette da gravidanza, parto o condizioni mediche correlate devono essere trattate allo stesso modo delle altre persone con disabilità temporanee.

Pertanto, una donna incinta non può essere trattata in modo diverso da altri dipendenti con altre disabilità.

Gravidanza Discrimination Act (PDA) Requisiti

Secondo la scheda informativa EEOC per le piccole imprese:

1. Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente in base alla gravidanza, al parto o alle condizioni mediche correlate; e

2. Le donne affette da gravidanza, parto o condizioni mediche correlate devono essere trattate come le altre persone non così colpite ma simili nelle loro capacità o incapacità di lavorare.

Inoltre, il titolo VII, modificato dal PDA, vieta la discriminazione basata su quanto segue:

  • Gravidanza attuale
  • Passata la gravidanza
  • Gravidanza potenziale o intenzionale
  • Condizioni mediche correlate alla gravidanza o al parto

Il PDA copre tutti gli aspetti dell'occupazione, compresi licenziamenti, assunzioni, promozioni e indennità accessorie (come le indennità di congedo e di assicurazione sanitaria). Le lavoratrici gestanti sono protette dalle discriminazioni basate sulla gravidanza in corso, le precedenti gravidanze e le potenziali gravidanze come definite di seguito:

  • Gravidanza attuale Secondo il PDA, un datore di lavoro non può licenziare, rifiutare di assumere, retrocedere o intraprendere qualsiasi altra azione avversa contro una donna se la gravidanza, il parto o una condizione medica correlata fosse un fattore motivante nell'azione avversa per l'impiego. Questo è vero anche se il datore di lavoro ritiene che agisca nell'interesse del dipendente.
  • Passata la gravidanza . Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente o un richiedente sulla base di una gravidanza precedente o di una condizione medica correlata alla gravidanza o al parto. Ad esempio, un datore di lavoro non può licenziare una donna a causa della gravidanza durante o alla fine del congedo di maternità.
  • Potenziale gravidanza Un datore di lavoro non può discriminare in base all'intenzione o al potenziale di un dipendente di diventare incinta. Ad esempio, un datore di lavoro non può escludere una donna da un lavoro che comporta l'elaborazione di determinate sostanze chimiche per timore che l'esposizione sia dannosa per un feto se il dipendente rimane incinta. Le preoccupazioni sui rischi per una lavoratrice incinta o il suo feto raramente, se mai, giustificano restrizioni di lavoro specifiche per sesso per una donna in età fertile.
  • Condizione medica relativa alla gravidanza o al parto . Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente a causa di una condizione medica correlata alla gravidanza e deve trattare il dipendente allo stesso modo di altri che sono simili nelle loro capacità o incapacità di lavorare ma non sono influenzati dalla gravidanza, dal parto o dalle condizioni mediche correlate.

Domande frequenti sulla gravidanza e l'occupazione

D Devo dire all'intervistatore che sono incinta?

R. No, non devi dirglielo. Il fatto che tu sia incinta non è rilevante se tu sia la persona giusta per il lavoro.

Potresti intervistare come al solito e coinvolgere l'intervistatore nelle tue qualifiche prima di menzionare la tua gravidanza.

Quindi prendere in considerazione la discussione della gravidanza durante la fase di negoziazione del processo di intervista. Perché tirarlo su se non devi? Perché il datore di lavoro saprà comunque nel prossimo futuro e non vorrete che si sentano come ingannati. In ogni caso, è una decisione personale e devi decidere, in base alle circostanze, quando sarebbe il momento migliore per rivelare la tua condizione.

D. Quando dovrei dire al mio datore di lavoro che sono incinta?

R. Il momento migliore per dire al tuo datore di lavoro è quando è necessario e quando è il momento giusto per te. Potrebbe essere quando stai iniziando a mostrare, o quando hai bisogno di tempo libero per il medico. Puoi scegliere di aspettare fino a quando il tuo datore di lavoro ha bisogno di trovare un alloggio per la tua gravidanza, o devi prendere un congedo per disabilità. Personalmente, sono favorevole ad essere aperto con il tuo datore di lavoro. Ho detto al mio capo non appena la mia gravidanza è stata confermata e ho lavorato solo in azienda per un paio di mesi. Per me è stato più facile pianificare visite mediche e un congedo di maternità senza stressarlo perché non volevo parlare della gravidanza.

D'altra parte, conosco persone che hanno aspettato per mesi e che ha funzionato bene anche.

Dall'altro lato della scrivania, ho supervisionato una persona che non ci ha detto che era incinta. Ha avuto un sacco di tempo libero dal lavoro, era molto malata di nausea mattutina e perché non avevamo idea di cosa stesse succedendo, avevamo paura che fosse mortalmente malata. Saremmo stati molto più felici sapendo che era incinta!

D. A quali prestazioni di maternità ho diritto?

A. La legge sul congedo per malattia e famiglia prevede fino a dodici settimane di congedo durante un anno solare o l'anno fiscale della tua azienda. Tuttavia, il tuo datore di lavoro non ha l'obbligo di pagare il tuo stipendio. Hanno il mandato di darti lo stesso lavoro o un lavoro con parità di retribuzione e benefici quando torni al lavoro.

Potresti avere diritto alla disabilità, ma probabilmente sarà inferiore al normale stipendio. Verificare con il proprio datore di lavoro per determinare quali ulteriori benefici, se del caso, si può avere diritto a. Controlla anche la copertura assicurativa sanitaria per te e il tuo bambino.

D. Quando devo tornare al lavoro?

A. Dipende Rivolgiti al tuo datore di lavoro per scoprire quali benefici di maternità offrono. Hai diritto almeno alle dodici settimane previste dalla legge sul congedo per malattia e famiglia.

Il tuo datore di lavoro può avere benefici più generosi e può essere aperto a fare alloggi per il tuo ritorno. Informarsi sulla possibilità di tornare prima part-time, o anche di condividere lavoro se non si sente in grado di impegnarsi a lavorare a tempo pieno.

D. Posso riscuotere la disoccupazione se sono incinta?

R. Sì, puoi raccogliere la disoccupazione quando sei incinta. La tua gravidanza non dovrebbe influire sulla tua idoneità al risarcimento per la disoccupazione. In realtà, è una violazione della legge federale e statale negare a un richiedente l'ammissibilità per la disoccupazione a causa della gravidanza. Ecco le informazioni sull'ammissibilità alla disoccupazione durante la gravidanza.

D. Sono stato discriminato. Cosa faccio?

R. Puoi presentare un reclamo alla Commissione per le pari opportunità (EEOC) degli Stati Uniti. Contatta l'ufficio EEOC più vicino per informazioni su come presentare le spese di persona, per posta o per telefono. Se non c'è un ufficio EEOC nelle immediate vicinanze, chiama il numero verde 800-669-4000.

Aggiornamento del 16 luglio 2014: il 14 luglio 2014 la Commissione per le pari opportunità di lavoro (EEOC) ha aggiornato e modificato le linee guida per l'applicazione della discriminazione in caso di gravidanza.

Linee guida sulla discriminazione in gravidanza da parte dell'EEOC

Il Pregnancy Discrimination Act (PDA) del 1978 stabilisce che le donne affette da gravidanza, parto o condizioni mediche correlate devono essere trattate allo stesso modo delle altre persone con disabilità temporanee. Pertanto, una donna incinta non può essere trattata in modo diverso da qualsiasi altro datore di lavoro con qualsiasi altra disabilità.

Gravidanza Discrimination Act (PDA) Requisiti

1. Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente in base alla gravidanza, al parto o alle condizioni mediche correlate; e

2. Le donne affette da gravidanza, parto o condizioni mediche correlate devono essere trattate come le altre persone non così colpite ma simili nelle loro capacità o incapacità di lavorare.

Requisiti della legge sulla discriminazione discriminata (PDA)

Il titolo VII, modificato dal PDA, vieta la discriminazione basata su quanto segue:

  • Gravidanza attuale
  • Passata la gravidanza
  • Gravidanza potenziale o intenzionale
  • Condizioni mediche correlate alla gravidanza o al parto

Requisiti di discriminazione in gravidanza (dalla scheda informativa EEOC per le piccole imprese)

Il PDA richiede che un datore di lavoro coperto tratti le donne colpite da gravidanza, parto, o condizioni mediche correlate allo stesso modo degli altri candidati o impiegati che sono simili nelle loro capacità o incapacità al lavoro. Il PDA copre tutti gli aspetti dell'occupazione, compresi licenziamenti, assunzioni, promozioni e indennità accessorie (come le indennità di congedo e di assicurazione sanitaria). Le lavoratrici gestanti sono protette dalle discriminazioni basate sulla gravidanza in corso, le precedenti gravidanze e le potenziali gravidanze.

  • Gravidanza attuale Secondo il PDA, un datore di lavoro non può licenziare, rifiutare di assumere, retrocedere o intraprendere qualsiasi altra azione avversa contro una donna se la gravidanza, il parto o una condizione medica correlata fosse un fattore motivante nell'azione avversa per l'impiego. Questo è vero anche se il datore di lavoro ritiene che agisca nell'interesse del dipendente.
  • Passata la gravidanza . Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente o un richiedente sulla base di una gravidanza precedente o di una condizione medica correlata alla gravidanza o al parto. Ad esempio, un datore di lavoro non può licenziare una donna a causa della gravidanza durante o alla fine del congedo di maternità.
  • Potenziale gravidanza Un datore di lavoro non può discriminare in base all'intenzione o al potenziale di un dipendente di diventare incinta. Ad esempio, un datore di lavoro non può escludere una donna da un lavoro che comporta l'elaborazione di determinate sostanze chimiche per timore che l'esposizione sia dannosa per un feto se il dipendente rimane incinta. Le preoccupazioni sui rischi per una lavoratrice incinta o il suo feto raramente, se mai, giustificano restrizioni di lavoro specifiche per sesso per una donna in età fertile.
  • Condizione medica relativa alla gravidanza o al parto . Un datore di lavoro non può discriminare un dipendente a causa di una condizione medica correlata alla gravidanza e deve trattare il dipendente allo stesso modo di altri che sono simili nelle loro capacità o incapacità di lavorare ma non sono influenzati dalla gravidanza, dal parto o dalle condizioni mediche correlate.

    Per saperne di più: EEOC Enforcement Guidance on Pregnancy Discrimination and Related Issues Domande e risposte sulla gravidanza e l'occupazione

    DICHIARAZIONE DI NON RESPONSABILITÀ: i siti Web privati ​​e le informazioni collegate a entrambi su e da questo sito sono opinioni e informazioni. Mentre ho fatto ogni sforzo per collegare informazioni accurate e complete, non posso garantire che sia corretto. Per favore cerca assistenza legale o assistenza da parte di risorse governative statali, federali o internazionali per accertarti che la tua interpretazione legale e le decisioni siano corrette. Questa informazione non è una consulenza legale e serve solo come guida.

    
    Articoli Interessanti
    Raccomandato
    Ci sono molte ragioni per cui le persone si dimettono dal lavoro, e alcuni sono motivi positivi ed eccitanti come una gravidanza. La lettera di dimissioni che informa il tuo datore di lavoro della tua gravidanza e la tua intenzione di non rientrare non deve includere le tue ragioni. Molte persone decidono di prendersi una pausa dalle loro carriere dopo la nascita di un bambino
    Apple Care Advisors è la prima linea di supporto per i clienti Apple La maggior parte dell'hardware Apple viene fornita con una garanzia limitata di un anno e fino a 90 giorni di assistenza tecnica telefonica gratuita, fornita da Apple Care. L'obiettivo è che un esperto Apple risolva i problemi dei clienti con una sola telefonata ad Apple Care.
    Le domande di lavoro non vengono generalmente accettate dopo la data di chiusura della pubblicazione. In rare circostanze, tuttavia, le organizzazioni accettano le applicazioni in ritardo, ma lo fanno di rado perché devono accettare tutte le applicazioni in ritardo se accettano un'applicazione in ritardo.
    Questi 9 consigli ti aiuteranno ad affrontare la tua negatività Sei parte della cultura della negatività nella tua organizzazione? Quando sei circondato da persone che si sentono negativamente sul tuo posto di lavoro, è difficile allontanarti dallo spirito di negatività. Ti ritrovi a parlare negativamente del lavoro un po 'o la maggior parte del tempo? Ti
    Mentre sembra che un lavoro di call center da casa possa essere svolto da qualsiasi parte degli Stati Uniti, sfortunatamente non è necessariamente così. Pochissime aziende di call centre domestiche assumono in tutti i 50 stati. Qui ci sono aziende di call center che assumono per lavoro a casa posizioni in Kansas: Accolade Support Call Center Services Questo business process outsourcing (BPO) utilizza appaltatori indipendenti per lavorare come supporto tecnico e agenti di assistenza clienti.
    L'industria dell'aviazione asiatica è in piena espansione. Mentre i mercati americano ed europeo sono ancora in uno stato piuttosto fragile, l'Asia ha visto un forte aumento dei viaggi aerei, soprattutto tra i viaggiatori in economia. I vettori in Asia stanno assistendo a un aumento dei viaggiatori d'affari della classe media che chiedono opzioni di viaggio a basso costo.