Attività commerciale

Codice di condotta militare degli Stati Uniti

Articolo 3

Articolo III

Se fossi catturato, continuerò a resistere con tutti i mezzi disponibili. Farò ogni sforzo per fuggire e aiutare gli altri a fuggire. Non accetterò né la libertà né i favori speciali del nemico.

Spiegazione

La disgrazia della cattura non diminuisce il dovere di un membro delle Forze Armate di continuare a resistere allo sfruttamento nemico con tutti i mezzi disponibili. Contrariamente alle Convenzioni di Ginevra, i nemici che le forze americane hanno ingaggiato dal 1949 hanno considerato la prigione del POW come un'estensione del campo di battaglia.

Il POW deve essere preparato per questo fatto.

Il nemico ha usato una varietà di tattiche per sfruttare i prigionieri di guerra per scopi di propaganda o per ottenere informazioni militari in violazione delle Convenzioni di Ginevra. Il CoC richiede resistenza agli sforzi di sfruttamento del catturatore. In passato, i nemici degli Stati Uniti hanno usato molestie fisiche e mentali, maltrattamenti generali, torture, negligenza medica e indottrinamento politico contro i prigionieri di guerra.

Il nemico ha cercato di invogliare i prigionieri di guerra ad accettare favori speciali o privilegi non concessi ad altri prigionieri di guerra in cambio di dichiarazioni o informazioni desiderate dal nemico o di un impegno da parte del prigioniero di guerra di non tentare la fuga.

I prigionieri di guerra non devono cercare privilegi speciali o accettare favori speciali a spese degli altri prigionieri di guerra.

Le Convenzioni di Ginevra riconoscono che i regolamenti del paese di un prigioniero di guerra possono imporre il dovere di fuggire e che i prigionieri di guerra possono tentare di fuggire. Sotto la guida e la supervisione della persona militare senior e dell'organizzazione POW, i prigionieri di guerra devono essere pronti a sfruttare le opportunità di fuga ogni volta che si presentano.

Nella detenzione in comune, deve essere preso in considerazione il benessere dei prigionieri di guerra che rimangono indietro. Un prigioniero di guerra deve "pensare alla fuga", deve cercare di scappare se è in grado di farlo, e deve aiutare gli altri a fuggire.

Le Convenzioni di Ginevra autorizzano il rilascio di prigionieri di guerra in libertà vigilata solo nella misura autorizzata dal paese dei prigionieri di guerra e proibiscono di obbligare un prigioniero di guerra ad accettare la condizionale.

Gli accordi sulle parole sono promesse a un prigioniero di guerra che dà al rapitore le condizioni stabilite, come non portare armi o non fuggire, in considerazione di speciali privilegi, come liberazione dalla prigionia o restrizioni ridotte. Gli Stati Uniti non autorizzano alcun membro dei Servizi Militari a firmare o sottoscrivere un accordo di tipo condizionale.

Cosa deve sapere il personale militare

Nello specifico, i membri del servizio dovrebbero:

  • Comprendere che la prigionia è una situazione che implica il controllo continuo da parte di un rapitore che può tentare di usare il prigioniero di guerra come fonte di informazioni militari, per scopi politici e come potenziale soggetto di indottrinamento politico.
  • Avere familiarità con i diritti e gli obblighi sia del POW che del catturatore ai sensi delle Convenzioni di Ginevra ed essere consapevole del crescente significato di resistenza nel caso in cui il rapitore si rifiuti di rispettare le disposizioni delle Convenzioni di Ginevra. Siate consapevoli del fatto che la resistenza richiesta dal CoC è diretta agli sforzi di sfruttamento dei richiedenti, poiché tali sforzi violano le Convenzioni di Ginevra.
  • Comprendere che la resistenza oltre a quella sopra identificata sottopone il POW alla possibile punizione da parte del rapitore per violazioni dell'ordine e della disciplina. Determinate azioni del POW possono essere perseguite come reati contro il potere detentivo.
  • Avere familiarità con e preparato per il fatto che alcuni paesi hanno riserve sull'articolo 85 della Convenzione di Ginevra del 1949 (III) relativa al trattamento dei prigionieri di guerra. L'articolo 85 offre protezione a un prigioniero di guerra condannato per un crimine basato su fatti verificatisi prima della cattura. Comprendere che i sequestratori di paesi che hanno espresso una riserva sull'articolo 85 spesso minacciano di usare la loro riserva come base per giudicare tutti i membri delle forze armate avversarie come "criminali di guerra". Di conseguenza, i prigionieri di guerra potrebbero essere accusati di essere "criminali di guerra" semplicemente perché hanno intrapreso una guerra contro questi paesi prima della cattura. Il governo degli Stati Uniti e la maggior parte degli altri paesi non riconoscono la validità di questo argomento.
  • Comprendere che una fuga di successo da parte di un prigioniero di guerra fa sì che il nemico devia le forze che potrebbero altrimenti combattere, fornisce agli Stati Uniti preziose informazioni sul nemico e altri prigionieri di guerra in cattività e serve come esempio positivo per tutti i membri delle Forze Armate.
  • Comprendi i vantaggi della fuga anticipata in quanto i membri delle forze di terra sono di solito relativamente vicine alle forze amiche. Per tutti gli individui catturati, un tentativo di fuga anticipato approfitta del fatto che i catturatori iniziali di solito non sono guardie addestrate, che il sistema di sicurezza è relativamente lassista e che il prigioniero di guerra non si trova ancora in una condizione fisica debilitata.
  • Comprendi l'importanza di iniziare a pianificare le evasioni il più presto possibile e di continuare a pianificare la fuga durante la prigionia, anche quando non esistono opportunità di fuga ovvie. I prigionieri di guerra dovrebbero raccogliere passivamente informazioni sui rapitori, i punti di forza e di debolezza della struttura e del personale addetto alla sicurezza, il terreno circostante e le condizioni che potrebbero influire su un tentativo di fuga e oggetti e materiali all'interno del campo che potrebbero sostenere uno sforzo di fuga. Questa prontezza e una continua pianificazione per la fuga pone un POW nella posizione migliore per sfruttare, facilitare o fornire assistenza durante un'occasione di fuga.
  • Avere familiarità con le complicazioni della fuga dopo l'arrivo in un campo di prigionia stabilito. Questi possono includere strutture sicure e un sistema di guardia esperto, una maggiore distanza dalle forze amiche, condizioni fisiche debilitate dei prigionieri, fattori psicologici che riducono la motivazione di fuga ("sindrome del filo spinato") e possibili caratteristiche etniche diverse dell'evaso e della popolazione nemica .
  • Comprendere il ruolo di supervisione del comando della persona militare degli Stati Uniti senior e dell'organizzazione POW nelle fughe dai campi di prigionia stabiliti.
  • Comprendere le responsabilità dei fuggitivi verso i loro compagni di guerra.
  • Comprendere che l'accettazione della libertà condizionale significa che un prigioniero di guerra ha accettato di non impegnarsi in un atto specifico, come sfuggire o portare armi, in cambio di un privilegio dichiarato, e che la politica degli Stati Uniti vieta a un prigioniero di accettare tale libertà condizionale.
  • Comprendere gli effetti sull'organizzazione e sul morale del POW, nonché le possibili conseguenze legali, di accettare un favore dal nemico che si traduce nell'ottenere benefici o privilegi non disponibili per tutti i prigionieri di guerra. Tali benefici e privilegi includono l'accettazione del rilascio prima del rilascio di prigionieri di guerra malati o feriti o di coloro che sono stati in cattività più a lungo. I favori speciali includono cibo, attività ricreative e condizioni di vita migliori non disponibili per altri prigionieri di guerra.

Disposizioni speciali per personale medico e cappellani

Secondo le Convenzioni di Ginevra, il personale medico che è esclusivamente impegnato nel servizio medico delle proprie forze armate e dei cappellani che cadono nelle mani del nemico è "personale trattenuto" e non è prigioniero di guerra. Le Convenzioni di Ginevra impongono al nemico di consentire a tali persone di continuare a svolgere i propri compiti medici o religiosi, preferibilmente per i prigionieri di guerra del proprio paese. Quando i servizi di questi "personale trattenuto" non sono più necessari per questi compiti, il nemico è obbligato a restituirli alle proprie forze.

Il personale medico e i cappellani dei servizi militari che cadono nelle mani del nemico devono far valere i loro diritti di "personale conservato" per svolgere i loro doveri medici e religiosi a beneficio dei prigionieri di guerra e devono cogliere ogni occasione per farlo.

Se il catturante permette al personale medico e ai cappellani di svolgere le loro funzioni professionali per il benessere della comunità dei prigionieri di guerra, è concesso un margine speciale a tale personale ai sensi del CoC, poiché si applica alla fuga.

Come individui, personale medico e cappellani non hanno il dovere di fuggire o di aiutare attivamente gli altri a fuggire fintanto che il nemico li tratta come "personale conservato". L'esperienza degli Stati Uniti dal 1949, quando le Convenzioni di Ginevra furono concluse per la prima volta, rifletteva il rispetto limitato da parte dei rapitori del personale statunitense con tali disposizioni. Il personale medico e di cappellano americano deve prepararsi per essere trattato come altri prigionieri di guerra.

Se il rapitore non consente al personale medico e ai cappellani di svolgere le loro funzioni professionali, sono considerati identici a tutti gli altri prigionieri di guerra per quanto riguarda le loro responsabilità ai sensi del CoC. In nessun caso la latitudine concessa al personale medico e ai cappellani può essere interpretata per autorizzare azioni o comportamenti dannosi per i prigionieri di guerra o gli interessi degli Stati Uniti.

Articoli aggiuntivi

Articolo 1
Articolo 2
Articolo 4
Articolo 5
Articolo 6

Raccomandato
Perché le persone evitano la risoluzione dei conflitti Praticare il coraggio personale è necessario se vuoi risolvere con successo i conflitti sul lavoro. È molto più facile e molto più sicuro ignorare il conflitto necessario e giocare allo struzzo. Sfortunatamente, il conflitto irrisolto tende ad aumentare. Non
Fai questo quiz e scoprilo Prendi il nostro quiz 1. Che cosa fai quando un cliente insiste per restituire qualcosa che ha chiaramente danneggiato al tuo negozio? Vladimir Godnik / Getty Images Probabilmente non avrei urlato al cliente, ma non potevo essere carino neanche io. Mi rendevo conto che stavo per perdere la pazienza e convincere qualcun altro a trattare con il cliente
10 modi per fare soldi in vacanza da casa Tutti noi possiamo usare un po 'di denaro extra durante le festività natalizie e, fortunatamente, durante questo periodo ci sono più opportunità di guadagnare. Questi 10 posti di lavoro o attività domiciliari possono essere un ottimo modo per raccogliere denaro extra per le vacanze e costruire quel nido di vacanze. Ti
Puoi prepararti a tenere colloqui di lavoro giusti, etici, legali con i candidati Desideri consigli sul colloquio di lavoro per aiutarti a selezionare i dipendenti più qualificati? Questi suggerimenti ti aiuteranno a valutare le abilità, l'esperienza e l'adeguatezza culturale dei tuoi potenziali dipendenti.
Resort militare a Walt Disney World LAKE BUENA VISTA, FL - Altri membri militari e le loro famiglie possono esclamare "Vado a Disney World", grazie alla recente espansione del Centro di ricreazione Shades of Green Armed Forces sul Walt Disney World Resort. "Questa non è solo un'inaugurazione, è una celebrazione di soldati, marinai, aviatori e marinai perché è questo che si prendono cura di queste proprietà", ha detto John McLaurin, vice segretario aggiunto dell'Esercito per le risorse umane. &qu
Esci dal tuo attuale lavoro con grazia per garantire il tuo futuro di successo A meno che tu abbia 16 anni e nel tuo primo lavoro, hai avuto l'esperienza, ad un certo punto della tua carriera, di abbandonare il tuo lavoro. E senza dubbio abbandonerai il lavoro in cui ti trovi ora (a meno che tu non venga licenziato o licenziato)