Attività commerciale

Scopri come scrivere una breve storia

Nel tentativo di scrivere una breve storia, non fa male sapere che il racconto è una forma abbastanza giovane, risalente solo a Nathaniel Hawthorne e al suo libro del 1837 Twice-said Tales . Per Edgar Allan Poe, che li definiva "racconti di prosa", il fatto che le storie brevi potessero essere lette in una sola seduta era la chiave della forma. Permetteva al lettore di avere un'esperienza ininterrotta del mondo immaginario.

Come un genere recente, il racconto ha pochi elementi formali che non sono condivisi con il romanzo. La sfida per lo scrittore di racconti brevi sta nello sviluppo dei principali elementi della fiction - personaggio, trama, tema, punto di vista, ecc. - in circa dieci o venticinque pagine. Il limite per la maggior parte delle riviste è di 10.000 parole. Per rispondere a questa sfida, gli scrittori di racconti brevi seguono generalmente, consciamente o inconsciamente, una lista di regole piuttosto standard.

Usa pochi caratteri e mantieni un punto di vista

Semplicemente non avrai spazio per più di uno o due personaggi rotondi. Trova modi economici per caratterizzare il tuo protagonista e descrivi brevemente i personaggi minori.

Avere solo uno o due protagonisti limita naturalmente le tue opportunità di cambiare prospettiva. Anche se sei tentato di provarlo, avrai difficoltà a realizzare pienamente, in modo equilibrato, più di un punto di vista.

Limita la cornice temporale quando scrivi una breve storia

Sebbene alcuni scrittori di racconti brevi saltino nel tempo, la tua storia ha le maggiori possibilità di successo se limiti il ​​più possibile il quadro temporale. Non è realistico coprire anni di vita di un personaggio in venticinque pagine. Limitando il periodo di tempo, si consente una maggiore concentrazione sugli eventi inclusi nella narrazione.

Sii selettivo

Come per la poesia, il racconto richiede disciplina e montaggio. Ogni linea dovrebbe o costruire un personaggio o far avanzare l'azione. Se non fa una di queste due cose, deve andare. William Faulkner aveva ragione nel consigliare agli scrittori di uccidere i loro cari. Questo consiglio è particolarmente importante per gli scrittori di racconti.

Segui la struttura della storia convenzionale

Le regole standard di narrazione che tutti abbiamo imparato nei nostri corsi di letteratura delle scuole superiori si applicano anche agli scrittori. Sebbene tu possa non avere spazio per colpire ogni elemento della struttura tradizionale della trama, sappi che una storia è composta approssimativamente da esposizione, conflitto, azione nascente, climax e epilogo.

Per quanto tu collauda con la forma, qualcosa deve accadere nella storia (o almeno il lettore deve sentire come se qualcosa fosse accaduto). Cose come il conflitto e la risoluzione ottengono questo effetto. La narrazione può sembrare magica, ma i blocchi costitutivi sono in realtà molto concreti. Come in ogni tipo di scrittura, l'inizio e la fine sono le parti più importanti. Assicurati che la tua prima e ultima riga siano le più forti della storia.

Sapere quando rompere le regole

Come con tutte le regole, queste sono fatte per essere infrante. Alexander Steele sottolinea nella sua introduzione alla Fiction Gallery del Workshop di Gotham Writers che il racconto si presta alla sperimentazione proprio perché è breve: esperimenti strutturali che non potrebbero essere sostenuti per trecento pagine possono funzionare magnificamente per quindici anni. E oggi, le linee tra generi come la storia breve e il poema sono sfocate in modi eccitanti.

Tieni presente, tuttavia, che raccontare la tua storia è ancora la cosa più importante. Se infrangere una regola ti permette di raccontare la tua storia in modo più efficace, con tutti i mezzi, rompila. Altrimenti, pensaci due volte, o almeno sii onesto con te stesso se l'innovazione fallisce.

Seguire queste regole dovrebbe aiutarti a completare con successo le tue storie. Se trovi che la tua storia trabocca questi limiti, qualunque cosa tu faccia, considera l'espansione in un romanzo. Il racconto non è per ogni storia.

Raccomandato
Con la domanda "Chi era il tuo miglior capo e chi era il peggiore?" l'intervistatore sta cercando di scoprire se sei il tipo di candidato per valutare la colpa o portare rancore. Vogliono anche determinare se sei un partner per la cultura dell'azienda. Anche se tu avessi un capo che era orribile, non venire fuori e dirlo
La regola generale per qualsiasi vendita è che quanto meglio si fa durante il processo di vendita, tanto più facile è chiudere il cliente. Se sei arrivato alla fine della tua presentazione e non hai convinto la prospettiva che vuole comprare, avrai un momento difficile da chiudere. D'altra parte, se hai fatto un buon lavoro nel costruire rapporti e descrivere benefici, la tua chiusura potrebbe essere semplice come "Registrati qui". A
Il modo in cui chiedi un riferimento al lavoro può essere importante quanto quello che selezioni come riferimento per un lavoro. Vuoi selezionare riferimenti che possano ritrarre le tue qualifiche nella miglior luce possibile. Puoi scrivere una lettera o fare una telefonata, ma spesso è più comodo inviare un messaggio e-mail per richiedere un consiglio per un lavoro. C
Guadagna aiutando le persone a gestire i loro Quando si tratta di risparmiare, abbiamo delle scelte. Possiamo metterlo sotto il materasso o in banca, oppure possiamo investirlo. Gli esperti suggeriscono solitamente una combinazione di questi ultimi due e scoraggiano sempre la prima opzione. Chi sono questi esperti
Sei un drogato politico? Ti interessa la politica, ma non hai il minimo interesse a diventare un politico? Man mano che i cicli elettorali diventano sempre più lunghi, le opportunità per chi è interessato a una carriera nell'arena politica sono molte. Puoi lavorare molte ore e può essere stressante, specialmente al momento delle elezioni, ma un lavoro politico può darti una grande esperienza che potrai usare in futuro. Pri
Una cultura della responsabilità è un'organizzazione di dipendenti responsabili. I risultati sono comunicati e compresi da tutti. La responsabilità è determinata in modo proattivo, prima del fatto, non in modo reattivo, dopo il fatto. Quando viene commesso un errore, la risposta non è il dito puntato e le scuse: si tratta di risolvere il problema e imparare dagli errori. Ogn