Attività commerciale

8 documentari che tutti nella pubblicità dovrebbero guardare

Otto grandi documentari sulla pubblicità e sul design

Se ti trovi nella pubblicità, nel design o in un'altra industria creativa, non ti accontenterai mai delle conoscenze che già possiedi. Ne vuoi sempre di più. Vuoi imparare, migliorare, crescere e spingersi oltre quei limiti. È naturale, perché quando lo fai, diventi migliore. E un giorno, forse diventare il fulcro di un grande documentario, per insegnare alle persone quello che hai imparato (finora).

Quindi, nello spirito di condividere le molte grandi cose che altre persone hanno imparato dalla loro carriera, lunga o breve, ecco 8 documentari che devi assolutamente guardare.

Sul serio. Pensa che ha i compiti che è divertente e potrebbe cambiare la tua visione della tua intera carriera. Senza un ordine particolare:

Art & Copy (2009)

Rivelando il lavoro e la saggezza dei più grandi giocatori della pubblicità

Art & Copy (2009) è senza dubbio uno dei migliori documentari mai realizzati in materia di pubblicità. Dai titoli di apertura, al consiglio finale glorioso, è una raffica senza sosta di grande lavoro, storie incredibili e intuizioni nel processo creativo. Diretto da Doug Pray, è un lavoro d'amore che mostra la passione per la produzione di una buona pubblicità e presenta alcune delle più famose campagne mai prodotte. Se hai familiarità con "Just Do It", "Where's The Beef?", "Got Milk?" E "Think Different" (e se non lo sei, con quale rock ti sei nascosto?), Sei andando ad amare ogni secondo di questo divertente documento.

Forse la più grande forza del film è la gente che mette in mostra.

Queste sono le leggende del mestiere, responsabili della formazione e del fare il cheerleading del commercio e forniscono saggezza che non può essere ignorata. George Lois, Mary Wells, Dan Wieden, Lee Clow, Hal Riney e tanti altri si radunano per raccontarvi le loro storie e, si spera, vi ispirino a fare un lavoro migliore. Imperdibile.

POM Wonderful Presents: il film più bello mai venduto (2011)

È possibile finanziare un film utilizzando solo i soldi del collocamento del prodotto?

The Greatest Movie Ever Sold (2011) è un altro capolavoro di Morgan Spurlock, che ha catturato l'attenzione del mondo con il suo primo documentario di successo "Super Size Me". La premessa del film è abbastanza semplice; puoi finanziare un intero film documentario usando solo i soldi che ricevi da sponsor e product placement? Non è diverso dalla sua sfida Super Size Me, ma per fortuna, questo non implica vomitare cibo dal finestrino di una macchina.

Segui Morgan mentre passa da un marchio all'altro, pubblicando il film e l'idea e, in alcuni casi, chiedendo soldi agli sponsor. Esiste un diverso livello di sponsorizzazione disponibile, ma il primo spot sta effettivamente ottenendo il nome del tuo marchio nel titolo del film. Come puoi vedere, POM Wonderful era convinto di accettare quell'offerta. Il film merita di essere guardato solo per gli spot televisivi che Morgan ha visto per i POM Wonderful executives. Un film divertente e divertente che ti insegna molto sulla strategia,

Objectified (2009)

Un film sugli oggetti che ti circondano

Objectified (2009) è un'altra immersione nel mondo del design di Gary Hustwit, che ha anche diretto Helvetica.

In Objectified, Hustwit va un po 'più in largo di un film puramente sulla tipografia, e in tal modo non può dipingere quasi l'immagine sontuosa. Ma dire che, Objectified è ancora un film eccellente e stimolante, e ancora uno dei migliori documentari realizzati sul tema del design industriale.

Objectified esamina la relazione che noi, in quanto consumatori, abbiamo con i molti prodotti e oggetti che ci circondano. Ovunque, in tanti modi, i prodotti fanno parte della nostra vita e sono stati tutti progettati. Guidiamo al lavoro in auto, lavoriamo al computer, facciamo chiamate sui telefoni cellulari, indossiamo scarpe, orologi, impermeabili, mangiamo cibo preconfezionato e tutto è stato toccato da un designer. A volte, non per il meglio, neanche.

Leggi la recensione completa qui.

The September Issue (2009)

Un documentario sulla vita Fly-On-The-Wall di Vogue Magazine

The September Issue (2009) è un'esposizione della più grande rivista di moda in circolazione, Vogue, e la donna che controlla tutto. Il suo nome è Anna Wintour, è la redattore capo di Vogue e governa il mondo della moda.

Chiunque abbia mai visto "Il diavolo veste Prada" sarà già molto familiare con la storia qui, anche se per essere onesti, il nostro vantaggio qui è molto più simpatico del demone interpretato da Meryl Streep.

Detto questo, Wintour è una donna forte, professionalmente intransigente, e governa il suo mondo con un pugno di ferro in un guanto couture. Lei deve essere. Chiunque operi a questo livello, sotto questo tipo di pressione, non può permettersi di essere altro che una centrale elettrica.

Exit Through The Gift Shop (2010)

Un documentario che solo Banksy avrebbe potuto realizzare

Se conosci il nome di Banksy (e se sei in questo business e non lo sai, dove sei stato?), Hai già una solida base per l'arte dei graffiti e il design anti-establishment. In effetti, il nome Banksy è così potente che molte persone saranno sorprese di apprendere che questo non è un film su Banksy in persona, ma piuttosto un eccentrico ragazzo francese di nome Thierry Guetta. Ma ciò non rende meno interessante l'uscita attraverso il negozio di regali. Lontano da esso.

Helvetica (2007)

Un'esplorazione di un carattere tipografico

Se stai leggendo questa recensione, dovresti già conoscere Helvetica - se non per nome, quindi sicuramente per aspetto. È forse il carattere più popolare dell'ultimo mezzo secolo e non è mai passato di moda. Ma prima di entrare nel film stesso, un piccolo background ...

Helvetica è un carattere tipografico progettato oltre 50 anni fa, nel 1957, dal tipografo Max Meidinger. Verso la fine degli anni Cinquanta, ci fu un revival di vecchi caratteri sans-serif come Akzidenz Grotesk (ancora usato oggi) e Meidinger fu commissionato dal Haas Type Foundary, in Svizzera, per progettare un nuovo font sans serif in questo stile. Ha usato Akzidenz Grotesk come base per il suo nuovo carattere - Helvetica (un nome derivato da Helvetia, il nome latino per la Svizzera). Il resto, come si suol dire, è storia.

Lemonade (2009)

Non è una rosa Slip, è una pagina vuota.

Se c'è un film che riassume l'attuale clima economico per i professionisti creativi in ​​America, è Lemonade. La sinossi fornita da IMDB.com include questa statistica sorprendente:

"Più di 130.000 professionisti della pubblicità hanno perso il lavoro in questa" Grande recessione ""

Se questo non è abbastanza per mandare un brivido lungo la schiena, devi avere un lavoro davvero sicuro (c'è una cosa del genere?), Essere ricco in modo indipendente, o semplicemente non ti interessa. Ahimè, la maggior parte di noi non ha nulla di cui sopra, ed è per questo che Lemonade è un film fantastico da guardare.

Milton Glaser: To Inform & Delight (2008)

Un documentario che segue il lavoro e le prospettive di Milton Glaser

Dì Milton Glaser a chiunque sia associato all'arte, al design o alla pubblicità, e la reazione è solitamente di rispetto e timore. Milton Glaser è responsabile di alcuni dei più importanti e archetipici pezzi di design grafico del ventesimo secolo, tra cui il logo "I ♥ NY", i capelli psichedelici di Bob Dylan e il logo dei proiettili per i fumetti DC (1977 - 2005). Dire che è un'icona significherebbe sottovalutare il significato della parola. E nel 2009 è stato insignito della National Medal of Arts dal presidente Barack Obama.

Se qualcuno merita un film documentario sul lavoro della loro vita, è Milton Glaser. E Milton Glaser: To Inform & Delight è proprio l'omaggio.

Raccomandato
Qual è la definizione di un portafoglio professionale? In breve, fornisce ai datori di lavoro un'immagine completa di un candidato candidato a un posto di lavoro. I portfolio professionali includono esperienze, risultati, abilità, formazione, interessi e obiettivi e obiettivi professionali. Con questa panoramica, scopri cosa offrono i portfolio che riprendono e le lettere di copertura no.
Li conosciamo tutti. Il supervisore che rimprovera costantemente la loro gente. Il capo squadra che crea divisione all'interno del gruppo anziché armonia. Il manager che accondiscende a parlare con gli individui nel loro gruppo, ma non ascolta mai il loro input. Questi sono capi tossici. Infondono l'energia degli individui nei loro gruppi.
Proteggiti con i fatti I lavori di Google da casa sono pubblicizzati su Internet e nelle e-mail per davvero? La risposta breve probabilmente no. Google Job Scams I kit di lavoro a domicilio di Google e altre opportunità di "lavoro di Google" che si trovano negli annunci e nelle email dei motori di ricerca non sono lavori legittimi di lavoro a domicilio e non sono offerti da Google.
Perché non dovresti cercare l'amore al lavoro Molti esperti di relazioni suggeriscono di cercare potenziali partner al lavoro, ma quello potrebbe essere il posto peggiore per trovare un altro significativo. I romanzi d'ufficio possono minacciare il tuo lavoro e rovinare la tua carriera. Mentre un collaboratore può soddisfare molti dei tuoi criteri per un compagno perfetto, interessi simili, prossimità e orari di lavoro compatibili, ci sono diversi motivi per evitare di essere coinvolti con qualcuno che condivide lo stesso posto di lavoro. P
I colleghi di appuntamenti devono firmare un contratto d'amore? Una politica ufficiale del contratto d'amore firmato dovrebbe risolvere tutti i tuoi potenziali problemi con l'accusa di molestie sessuali alla fine di un rapporto di lavoro romantico. Destra? Non ci conterei, anche un contratto d'amore rivisto dal tuo avvocato del lavoro
45 motivi per reintegrare 1. Ieri hanno succhiato, oggi hanno succhiato, domani succhiano, e questa sembra essere una previsione abbastanza solida per il resto del mio arruolamento. 2. Trascorrere 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, 365 giorni all'anno di formazione per qualcosa che c'è una possibilità del 99, 9% che non potremo mai fare.