Attività commerciale

Forma la giusta scelta di lavoro con queste 12 domande

Fai lo scoop su che cos'è una condivisione del lavoro e su come eccellere.

Stai tornando al lavoro ma non sei sicuro di voler lavorare a tempo pieno. Ami quello che fai ma vuoi lavorare part-time mentre tuo figlio è ancora giovane. Se potessi lavorare part-time, nel tuo ruolo attuale, non perderai esperienza e potrai trascorrere del tempo con tuo figlio. quindi quali sono le tue opzioni?

Una risposta a questo dilemma è partecipare a una quota di lavoro.

Che cos'è una condivisione del lavoro?

Una quota di lavoro consente a due dipendenti di suddividere una settimana lavorativa. Suddividono le responsabilità lavorative e le retribuzioni di una posizione a tempo pieno lavorando part-time. Un'altra frase per questo è "condivisione del lavoro", poiché in te stai condividendo il carico di lavoro tra due persone.

Questo modo di lavorare è nato negli anni '70 e '80. Non è diventato popolare fino agli anni 2000, quando le mamme lavoratrici cercavano una maggiore flessibilità nel loro lavoro e la qualità della vita è diventata una priorità per tutti.

Quando stai pensando di iscriverti a una condivisione del lavoro, è una buona idea esaminare tutti i tuoi orari di lavoro flessibili come orari flessibili (una settimana lavorativa compressa) e un lavoro part-time.

Per i lavoratori orari, ciò che un'offerta di posti di lavoro è una settimana lavorativa part-time. Per gli impiegati, ciò che un'offerta di posti di lavoro è l'opportunità di perseguire una carriera di alta pressione senza sacrificare la vita alla società.

La condivisione del lavoro è la più promettente per l'equilibrio tra lavoro e vita privata in settori esigenti come la legge, la medicina, la ricerca scientifica e le alte sfere dell'America aziendale.

Perché lavori di tipo di condivisione di lavoro funzionano

Se sei in grado di organizzare questo tipo di posizione, farai un ottimo lavoro. perché? Però purtroppo questi tipi di opportunità sono rari. Ma i due opel che sono coinvolti in questo vogliono farlo funzionare in modo che lavorino sodo. Lavorare sodo significa ottenere risultati e ciò renderebbe l'azienda estremamente h

Ricevi queste risposte a 12 domande relative alla condivisione del lavoro

Quando si considera una condivisione del lavoro, ecco alcune domande importanti a cui rispondere:

  • Come sarà il programma?
  • Come verranno gestiti i congedi per malattia, ferie e maternità?
  • Quali benefici riceverà ciascun dipendente e come si confronta con il tempo pieno?
  • Come verranno gestite le emergenze dopo il lavoro?
  • Esiste un piano di promozione e avanzamento per ogni membro del team di condivisione del lavoro?
  • Cosa succede se un partner per la condivisione di posti di lavoro desidera concludere l'accordo?
  • In che modo le responsabilità verranno trasferite all'altra persona?
  • Come saranno misurate le prestazioni e il successo di questo accordo?
  • Come vedrà il resto dell'organizzazione vedere questo accordo?
  • Ci sarà un'e-mail che i collaboratori / clienti dell'alias possono usare in modo che entrambe le parti siano indirizzate alle domande?
  • Come possiamo creare una fantastica procedura di transizione in modo che il dipendente in arrivo si senta informato e la persona che se ne va si senta come se condividessero tutti gli aggiornamenti?
  • quali sono le regole (se presenti) sull'essere contattati durante "fuori orario"? E se questo dovesse accadere, quali strumenti potrebbero essere utilizzati per rendere le interruzioni delle ore libere meno dirompenti (usando un'app, controllando la posta elettronica, o chiamando direttamente, ecc.).

Vuoi maggiori informazioni?

Se vuoi maggiori informazioni scopri come avere successo nella condivisione del lavoro, leggi i benefici di una condivisione di lavoro per il datore di lavoro e capisci il lato negativo della condivisione del lavoro.

A cura di Elizabeth McGrory


Articoli Interessanti
Raccomandato
La retribuzione extra è la retribuzione corrisposta a un dipendente per ore lavorate per più di 40 ore in una singola settimana lavorativa. Le leggi federali e statali richiedono retribuzioni straordinarie per i dipendenti non esenti e, in alcuni casi, anche per gli impiegati. Ulteriori informazioni sulla retribuzione degli straordinari per i dipendenti non esenti con queste domande frequenti.
Non è dove hai lavorato, è ciò che puoi fare. In un colloquio comportamentale, dovrai dimostrare le tue conoscenze, abilità e abilità, note collettivamente come competenze, fornendo esempi specifici delle tue esperienze passate. L'intervistatore vuole sapere, non che puoi fare qualcosa, ma che lo hai fatto. Lui
Stai affrontando la più grande intervista della tua vita e vuoi fare del tuo meglio per fare una grande impressione. Anche se è normale che le interviste siano stressanti, può essere anche peggio quando intervisti per il lavoro dei tuoi sogni e vuoi fare la migliore impressione. Se suona come te, continua a leggere per suggerimenti su come gestire un colloquio ad alta pressione. S
Sebbene vi sia un enorme divario tra i salari del settore privato e quelli di interesse pubblico, i lavori di interesse pubblico offrono una serie di vantaggi chiave rispetto alla pratica privata. Di seguito sono riportati i sei vantaggi del lavoro di servizio pubblico. Promuovere il bene pubblico La ragione principale per cui avvocati e altri avviano l'interesse pubblico o il lavoro pro bono è di promuovere il bene pubblico.
Campioni di lettere per quando sei in movimento e devi dimettermi In generale, non è necessario per te condividere i dettagli sul motivo per cui stai lasciando un lavoro nella lettera di dimissioni. In effetti, essere discreti è vantaggioso - non c'è motivo per il tuo datore di lavoro di avere dettagli sulle circostanze personali in archivio, soprattutto dopo aver lasciato la società. Un
I primi cinque editori accademici - che pubblicano opere accademiche e libri per studenti - sono piuttosto distinti dagli editori commerciali Big Five, che pubblicano libri per il grande pubblico. L'elenco è prestigioso - alcuni sono associati a università venerate, uno sostiene che risalga al XV secolo.