Attività commerciale

Importanti lezioni di leadership che puoi imparare dall'essere licenziati

"Puoi parlare di un fallimento che hai avuto e di ciò che hai imparato da esso?" Era una domanda innocua da parte di un partecipante ad un evento di riunione del CEO che stavo parlando poche settimane fa. Ho condiviso il tempo in cui sono stato licenziato dalla mia posizione di presidente della regione per una società Fortune 500. Dopo aver finito di raccontare la storia, il silenzio nella stanza era assordante. Era come se tutti avessero preso un respiro collettivo e lo stessero tenendo. In quel momento ho pensato: "annota te stesso, fatti una storia migliore perché questo sicuramente rende le persone a disagio".

Ho fatto una battuta debole ringraziandoli per la sessione di terapia. Più tardi, uno dei CEO è venuto da me e ha detto che il gruppo era tranquillo perché non erano preparati per il livello di autenticità e vulnerabilità in quella storia. Ecco la storia e le lezioni apprese.

Come mi sono licenziato

Non è sempre una buona notizia quando la responsabile delle Risorse Umane ti chiama e ti invita a pranzo. L'ho imparato nel modo più duro. Quando l'ha fatto, non avevo idea di essere stato licenziato da un lavoro in cui mi trovavo da meno di 12 mesi. L'incarico è stato una grande promozione a seguito di un enorme successo di svolta in un'altra business unit. Piuttosto sicuro di me stesso nelle mie capacità, avevo assunto un ruolo rischioso in una situazione difficile. L'attività era in calo da due anni. Siamo rimasti indietro sull'innovazione. Era stata una porta girevole dei predecessori che era durata meno di 24 mesi.

Essere licenziato dal lavoro in 12 mesi è stato un nuovo record! Fino ad allora la mia carriera era stata a dir poco eccezionale con promozioni ogni due anni, riconoscimenti del CEO, stock options. Quindi, ovviamente, è stata una sorpresa. No, correzione, è stato uno shock. Per un grande successo come me c'era una grande vergogna e molte notti insonni che chiedevano "dove ho sbagliato?"

Quello che ho imparato dall'essere licenziato

  1. Essere personaggio licenziato . Devo ammettere, non è grande per l'ego. La mia rapida crescita nelle organizzazioni in cui avevo lavorato mi aveva dato molta fiducia in se stessi. Quello che mi mancava era l'umiltà. Pensavo di essere invincibile e di poter affrontare da solo ogni problema, non importa quanto sia complesso o radicato. Non importava che io non avessi esperienza in quella business unit e che la pressione stava crescendo rapidamente. Mi resi conto di essere stato impreparato per i rischi che avevo preso.
  2. Dobbiamo ridefinire la leadership . Spesso pensiamo ai leader come a persone che sono strategiche, prendono decisioni, fanno avanzare le cose. Conducono dal fronte, stabilendo una visione di ciò che deve essere fatto e facendo in modo che gli altri lo facciano. Quello che ho imparato è che questa è una definizione molto ristretta di leadership. In questa definizione forse sbagliata di leadership ho sentito un'enorme pressione per sapere tutto, per non mostrare alcuna debolezza o incertezza circa le risposte alle complesse questioni che abbiamo affrontato, e ammettere che mi sbagliavo. Non ho chiesto aiuto. Non ho fatto un buon lavoro gestendo le aspettative a causa di un falso senso di responsabilità e spavalderia. Credo che dobbiamo lasciare spazio ai leader per essere vulnerabili, per poter dire che non sanno quando le risposte non sono ancora chiare o se la situazione si sta evolvendo troppo velocemente. Servirà meglio le nostre organizzazioni e la qualità delle decisioni che prendiamo.
  1. Fallire non ti rende un fallimento . Essere licenziati era una sveglia molto necessaria. Ho imparato che fallire in un posto di lavoro non mi ha fatto fallire. Dopo alcune settimane di intensa vergogna, ho imparato che sarei sopravvissuto. La compagnia mi aveva offerto un passaggio laterale in un altro ruolo. La persona che mi ha sostituito è stata una pari della squadra e ho imparato (con qualche difficoltà) come lasciare andare ciò che era accaduto in passato per spostarsi verso un futuro migliore.

Il mio scopo nello scrivere questo è incoraggiare tutti noi a parlare dei nostri fallimenti. Fare questo ci ricorda che non siamo invincibili. Cresce l'umiltà. Insegna a coloro che ci circondano che l'atto di fallire non rende un leader un fallimento. Avevo tanta paura del fallimento che mi ci è voluto un po 'per ammettere che ero nel bel mezzo. Crea una cultura più autentica dove le persone possono discutere apertamente il rischio e incoraggiare una maggiore creatività e innovazione. Soprattutto ci ricorda che abbiamo bisogno di tutti noi, quelli che guidano dal fronte, quelli che guidano da dietro, quelli che guidano dal lato e che questi ruoli non sono fissati in base alla gerarchia, ma sono flessibili sulla base di quale competenza è più necessario in una situazione e chi lo ha più disponibile da offrire.

In chiusura, spero che vi prendiate il tempo per esaminare alcuni dei vostri fallimenti e magari condividerli con le persone con cui lavorate. Quel giorno ho creato un'enorme connessione con le persone presenti nella stanza, e spero che lo faccia anche per te. Dopotutto, è difficile influenzare le persone a meno che non si sentano collegati a noi.

-

Henna Inam è un oratore, autore di successo e CEO di Transformational Leadership Inc. Il suo libro Wired for Authenticity (maggio 2015) funge da pietra di paragone per i leader che cercano sia l'autenticità che l'adattabilità in un ambiente di lavoro dinamico e dinamico 24/7. Iscriviti al suo blog su www.transformleaders.tv o connettiti a @hennainam.


Articoli Interessanti
Raccomandato
Utilizzare queste lettere di occupazione di esempio come guide Queste lettere di lavoro esemplificative ti aiuteranno a respingere i candidati di lavoro, a fare offerte di lavoro, ad accogliere i dipendenti e altro ancora. Sono un modo efficace per rimanere in contatto con ogni candidato durante il processo di assunzione
Il capitale circolante è il numero di attività liquide che un'azienda ha a disposizione. Il capitale circolante è necessario per pagare le spese pianificate e impreviste, soddisfare gli obblighi a breve termine dell'azienda e costruire il business. Una mancanza di capitale circolante rende difficile attrarre investitori o ottenere prestiti commerciali o ottenere crediti. Q
Come prepararsi per le richieste di cronologia degli stipendi Quando intervisti per un nuovo lavoro, è prassi comune che l'azienda ti chieda della tua storia di stipendio. Le aziende vorranno sapere qual è lo stipendio base del candidato se ricevono alcun bonus, l'importo medio del bonus e qualsiasi compenso o compenso aggiuntivo, ad esempio abbinamenti 401k, stock grant o stock option, assenze retribuite e quanto sono richiesti per pagare per i loro premi medici.
Cosa ti rende migliore della concorrenza? È la tua etica del lavoro? La tua educazione? Qualcos'altro? Durante l'intervista, è importante essere in grado di condividere informazioni sul motivo per cui sei la persona che dovrebbe essere assunta per il lavoro. Separati dagli altri candidati Non è raro che i datori di lavoro ricevano centinaia di domande da persone in cerca di lavoro entusiaste, con la maggior parte di loro che soddisfano alcuni o tutti i requisiti del lavoro. I
Il tuo impegno nel servizio militare e scarico anticipato Ci sono una varietà di modi per essere espulsi dall'esercito, ma ci sono anche modi per lasciare i militari in anticipo con una buona reputazione, legittimamente. Tuttavia, questi non sono metodi comuni che molte persone sono in grado di utilizzare per uscire dal loro contratto militare.
I doveri e le esigenze di un rappresentante delle risorse umane dell'esercito Lo specialista delle risorse umane noto anche come HR Rep è il MOS 42A. Descrizione del lavoro di base Uno specialista delle risorse umane aiuta principalmente i soldati a sviluppare le loro carriere militari per includere la promozione e le informazioni sulla formazione futura, ma fornisce anche supporto e assistenza per quanto riguarda trasferimenti, ordini di viaggio, dettagli salariali a tutte le divisioni dell'esercito.