Attività commerciale

Come utilizzare i social network per promuovere il tuo libro

AQ & A con la consulente per la promozione del libro Sandra Beckwith

Le campagne di marketing del libro beneficiano certamente dell'uso efficace dei social network online. Nella Parte I di questa sessione di domande e risposte con Sandra Beckwith, consulente pubblicitario e marketing di libri, condivide le sue riflessioni su come gli autori possano fare un lavoro migliore sfruttando i loro social network online per promuovere i loro libri.

Le reti di social media sembrano essere al centro della maggior parte della promozione delle vendite di libri in questi giorni. In che modo un autore si assicura che lui o lei salti al di sopra del rumore?

Sandra Beckwith: Le reti di social media sono certamente una parte importante di una campagna di marketing di libri e, dato che sono così accessibili, è quello su cui la maggior parte degli autori tende a concentrarsi.

Ma un suggerimento per la promozione di un libro che ti aiuterà a distinguerti su tutte le tue reti, i social media e altro, è: concentrati su ciò che i lettori potranno ottenere dal tuo libro. Il fatto che il libro esista non è una notizia sufficiente. I tuoi amici potrebbero comprare i tuoi scritti perché vogliono sostenere il tuo sogno di scrivere un libro per tutta la vita o aiutarti ad andare oltre nel tuo obiettivo di diventare un autore best-seller di Amazon, ma quanti amici hai? I loro amici vogliono essere intrattenuti, o sono interessati alle informazioni che possono imparare dal tuo libro: è il contenuto che porterà i lettori al tuo libro. Questo è ciò di cui hai bisogno per assicurarti di condividere i tuoi sforzi di marketing e pubblicità.

Questa è una buona regola per il marketing del libro. Ci sono altre regole per la promozione del libro generale che si applicano?

SB: In termini di aumento del rumore, ciò che è vero per i media tradizionali è vero anche per i social media: creare il tuo messaggio non è una situazione valida per tutti.

Il tipo e il tono delle informazioni che condividi potrebbero variare da rete a rete. Ad esempio, supponi di aver scritto un libro professionale sul tuo settore, i tuoi tweet sarebbero brevi, concisi e informali, mentre i post del tuo blog potrebbero essere ricchi di informazioni e pieni di link utili.

Puoi dare alcune informazioni su come sfruttare i social network online per la promozione dei libri?

SB: C'è un intero libro su questo!

Ma per i principianti:

  • Crea amici con Facebook (personale)
    Ecco una buona ragione per cui il contenuto è importante: affinché le informazioni diventino virali, è necessario sembrare interessanti o abbastanza utili da passare. Quanti dei tuoi amici di Facebook (e dei loro amici) potrebbero trovare qualcosa di abbastanza interessante sul tuo libro da condividere con le loro reti? Invia loro un messaggio con un link alla pagina di acquisto del libro presso il tuo rivenditore preferito e chiedi loro di condividerlo sui loro muri.
  • Crea amicizia con Facebook (Professional)
    Hai una pagina fan separata per il tuo libro o uno dei suoi personaggi? Queste pagine incoraggiano l'interazione, che a sua volta guida il traffico. Chiedi alle persone di partecipare, oltre a condividere informazioni sul libro nelle loro pagine.
  • Blog il tuo libro
    Hai più flessibilità sul tuo blog quindi, se possibile, crea una pagina per il tuo libro e condividi perché il tuo libro è importante e in che modo aiuterà a educare, intrattenere o informare i lettori. Quando pubblichi gli aggiornamenti, puoi riconnetterti a quella pagina. Chiedi agli iscritti al tuo blog di prendere in considerazione la condivisione di tali informazioni con le proprie reti e gruppi e, naturalmente, di offrire anche un colloquio o un post per gli ospiti relativi al tuo libro sui loro blog.
  • Twitter strategicamente
    Naturalmente, twitterai del tuo libro ai tuoi follower, sii intelligente. Non farlo costantemente, e assicurati di non renderlo un duro passo di vendite ("Compra il mio libro"), ma invece, condividere le curiosità che aiutano le persone a capire il valore del tuo libro. Questi sono i più probabilità di essere re-twittati.
  • Il tuo cerchio Google+
    Lo strumento "Cerchie" su Google+ è fatto su misura per il networking degli autori. Crea un Cerchio per quelli della tua rete Google+ che potrebbero essere interessati al tuo libro e condividere con te interessanti informazioni relative al libro.

Quale altro consiglio puoi offrire sugli sforzi di promozione dei libri online sui social media?

SB: Assicurati di mantenere aggiornati tutti i tuoi social network online nelle tappe del tuo tour virtuale, interviste ai media che appaiono online e così via. Non sai mai quale sarà un potenziale lettore che visiterà: non vorrai correre il rischio che qualcuno interessato al tuo libro manchi di informazioni che potrebbero coinvolgerlo.

Inoltre, è importante ricordare che i social network sono stati sviluppati per emulare le nostre reti del mondo reale: essere social, impegnarsi, condividere, imparare, non solo vendere. Sii attivo nei tuoi gruppi, partecipa ai forum online.

Condividi le notizie del tuo libro, ma evita i messaggi di vendita. E sii generoso e reciproco con quelli delle tue reti di social media, fallo loro come vorresti fosse fatto a te. Pubblica, tweet e condividi le loro notizie, pure.

Certo, i social network online non sono l'unico tipo che tutti noi abbiamo. Utilizza tutti i tuoi "social network" nella tua campagna di marketing di libri. Leggi la Parte II di questa sessione di domande e risposte su alcuni dei suggerimenti di social networking "offline" di Sandra.

Sandra Beckwith, una ex pubblicista pluripremiata, ora insegna agli autori come diventare i propri pubblicisti di libri. Per ulteriori consigli su pubblicità e promozione di libri e per iscriverti alla sua newsletter gratuita, visita buildbookbuzz.com.


Articoli Interessanti
Raccomandato
Fase 6 di Change Management: integrazione Benvenuto nella Fase 6 nella gestione del cambiamento. Hai raggiunto la fase finale di creazione e gestione del cambiamento all'interno della tua organizzazione: Integrazione. Durante questa fase, sei in grado di incorporare completamente le modifiche alle quali hai lavorato nelle cinque fasi iniziali che hanno costruito l'impegno dei dipendenti a cambiare
Spesso nelle interviste di lavoro, riceverai una domanda su come contribuirai alla compagnia. I datori di lavoro vogliono sapere che, se assunti, in qualche modo aggiungerete valore all'organizzazione. Questa domanda ti dà la possibilità di spiegare cosa ti distingue da tutti gli altri candidati e come sarai un vantaggio per quella particolare azienda.
Ulteriori informazioni su abbigliamento adeguato per gli affari in ufficio Quando accetti uno stage presso un'organizzazione non profit o qualsiasi altra forma di attività commerciale, indipendentemente dal fatto che tu sia pagato o non retribuito, non sei un volontario. Quindi non pensarci e non vestirsi come uno.
Se sei un giovane della Pennsylvania che sta cercando un lavoro, quanti anni hai per iniziare a lavorare nel tuo stato? Forse vuoi un lavoro in modo da poter iniziare a risparmiare per una bici, un'auto o un college, o forse vuoi solo un po 'di soldi per il tempo che passi con i tuoi amici. Forse vuoi persino aiutare la tua famiglia a superare i momenti difficili
Descrizione del lavoro I bibliotecari selezionano le risorse, le organizzano e poi insegnano alle persone come usarle in modo efficace. Molti lavorano con il pubblico, mentre altri sono dietro le quinte nel supporto tecnico e nelle acquisizioni o nell'amministrazione. Sebbene i bibliotecari lavorassero tradizionalmente con le risorse stampate, hanno tenuto il passo con una tecnologia in continua evoluzione e negli ultimi decenni hanno incorporato risorse elettroniche tra cui Internet, banche dati informatizzate ed e-book nel loro ambito
Articolare esperienze passate e trovare nuove opportunità di successo Per entrambi i neo-laureati che si preparano a entrare nel mondo del lavoro e per le persone stagionate che cercano di cambiare carriera, un ostacolo enorme spesso si frappone: l'esperienza. È il vecchio paradosso della ricerca di lavoro.