Attività commerciale

5 consigli per aiutare i datori di lavoro a fare uso di marijuana legale

Il supporto per l'uso della marijuana medica per il trattamento di una varietà di condizioni di salute sta rapidamente guadagnando terreno negli Stati Uniti Oggi, i medici prescrivono la marijuana per affrontare una serie di disturbi, tra cui il cancro, il glaucoma e il dolore cronico.

Secondo la Drug Policy Alliance, vi è un forte sostegno bipartisan all'uso della marijuana medica, con oltre il 70% di elettori a favore del diritto all'uso della marijuana medica se raccomandato da un medico.

Oggi, sia l'uso che la produzione di marijuana medica sono legali in 23 stati e nel distretto di Columbia. Si prevede che il movimento per la marijuana medica e la spinta a legalizzare la marijuana per uso ricreativo si espandano.

Il mainstreaming della marijuana pone un dilemma ai datori di lavoro, che potrebbero non essere sicuri se e come accogliere gli utenti di marijuana sul posto di lavoro. Questi suggerimenti possono aiutare le aziende a definire le giuste politiche.

  • Rispondendo alle domande dei dipendenti sull'uso di marijuana medica. Quando i dipendenti chiedono se sono autorizzati a usare la marijuana prescritta dal medico, alcuni datori di lavoro potrebbero essere tentati di rispondere con una frase, come "Gli stoner non entrano nel mondo del lavoro".

    Questa è la risposta sbagliata. Invece, chiedi al dipendente di descrivere eventuali sistemazioni che lui o lei potrebbe richiedere. È importante rispettare il diritto alla privacy del dipendente nelle discussioni che riguardano questioni mediche. I datori di lavoro, tuttavia, hanno un legittimo interesse a garantire che i farmaci assunti dal dipendente vengano utilizzati in modo responsabile e non influenzino le prestazioni lavorative.
  • Accomodare l'uso da parte dei dipendenti della marijuana medica. Alcuni dipendenti possono fare affidamento su farmaci, compresa la marijuana medica, per consentire loro di tollerare il dolore e la funzione ai più alti livelli. In questi casi, è ragionevole per i datori di lavoro insistere su un uso discreto e sull'evitare i fiori di piante di marijuana.

    Le leggi statali possono stabilire se i datori di lavoro dovrebbero consentire l'uso in queste condizioni o sostenere una politica di tolleranza zero. Alcuni stati richiedono un alloggio per uso medico della marijuana, mentre altri, come il Colorado, affermano esplicitamente che i datori di lavoro non hanno alcuna scusa per tollerare l'uso di marijuana medica sul posto di lavoro. Spesso, si tratta di una sentenza da un dipendente responsabile e datore di lavoro premuroso.
  • Stabilire politiche sul luogo di lavoro per l'uso ricreativo della marijuana. Alcuni stati, tra cui Colorado, Washington, Alaska e Oregon, consentono ai cittadini di utilizzare la marijuana per scopi ricreativi. Ciò significa che i datori di lavoro in questi stati dovrebbero rivedere la formulazione delle loro politiche sulle droghe.

    Potrebbe essere utile modellare la politica della marijuana ricreativa dell'azienda dopo le politiche esistenti sull'uso di alcol, cioè, è consentita al tempo del dipendente, ma è vietato entrare in lavoro sotto l'influenza.

    In generale, è una buona idea proibire ai dipendenti di fumare marijuana in ufficio o di venire sul posto di lavoro sotto l'influenza di qualsiasi sostanza psicoattiva. I datori di lavoro dovrebbero precisare le conseguenze dell'uso di marijuana durante l'orario di lavoro negli stati in cui è consentito l'uso ricreativo.
  • Divieto di usare completamente la marijuana. Alcuni datori di lavoro credono erroneamente che la politica più semplice sia quella di vietare completamente l'uso della marijuana, anche negli stati in cui è legale. Questo può essere un problema dal punto di vista delle relazioni con i dipendenti e dal punto di vista dell'applicazione.
    Invece, i datori di lavoro dovrebbero concentrarsi sulla regolazione del comportamento a ogni ora; questo approccio rispetta la privacy dei dipendenti ed è più applicabile.

    Nelle industrie che richiedono ai dipendenti di utilizzare macchinari pesanti o in cui sono rilevanti altri problemi di sicurezza, è severamente vietato lavorare sotto l'influenza della marijuana, proprio come avviene per l'uso di alcol sul posto di lavoro. Le aziende possono anche modificare le linee guida sullo screening dei farmaci per escludere la cannabis durante i test di routine.
  • Impostazione della politica della marijuana per il pranzo e le pause. La maggior parte dei datori di lavoro desidera rispettare la privacy dei dipendenti durante le pause e all'ora di pranzo. Detto questo, i datori di lavoro hanno un interesse acquisito nel garantire che i dipendenti tornino dalle pause puntuali e siano pronti a riprendere le attività produttive. I datori di lavoro possono e dovrebbero esigere che i dipendenti operino a pieno regime e non sotto l'influenza di sostanze psicoattive durante la giornata lavorativa. Nell'impostare la politica del pranzo e della pausa per la marijuana, i datori di lavoro potrebbero trovare utile seguire la politica esistente in materia di alcol.

La marijuana medica continuerà a ottenere riconoscimento legale in più stati e l'uso ricreativo della marijuana diventerà più comune. È una buona idea per i datori di lavoro rivedere le loro politiche per risolvere il problema.

Trovare il giusto equilibrio tra il rispetto della privacy dei dipendenti e assicurare un picco di produttività può sembrare inizialmente difficile.

Tuttavia, le questioni relative all'utilizzo della marijuana sul posto di lavoro sono simili a quelle che i datori di lavoro hanno da tempo incontrato riguardo all'uso di alcol.

Per affrontare efficacemente l'uso di marijuana nella forza lavoro:

  • I datori di lavoro dovrebbero educarsi sulle leggi in vigore nel loro stato.
  • Accedere alle richieste dei dipendenti per l'alloggio in modo compassionevole e rispettoso.

Seguendo questi suggerimenti, i datori di lavoro possono delineare politiche chiare e assicurarsi che la loro organizzazione sia pronta a tenere il passo con l'evoluzione delle leggi sulla marijuana.

Raccomandato
Questi specialisti si occupano di interazioni civili e militari Specialisti in affari civili dell'esercito sono importanti per le operazioni globali di mantenimento della pace. Fondati nel 1955, questi soldati hanno cinque compiti principali: gestione delle informazioni civili, assistenza umanitaria straniera, assistenza alla nazione, controllo delle risorse della popolazione e sostegno all'amministrazione civile
CRM è un acronimo che sta per gestione delle relazioni con i clienti. Descrive la strategia che un'azienda utilizza per gestire le interazioni con i clienti. Un esempio di una strategia CRM comune è il programma di carte premio che molti supermercati offrono. In questo caso, il negozio offre ai suoi clienti una carta gratuita che garantisce loro l'accesso a offerte speciali e sconti quando passano la carta premio durante il checkout.
2A7X1 - Tecnologia aeronautica dei metalli Disegni, saldature, trattamenti di calore, fabbricazione e macchine utensili di precisione, componenti e assiemi per sistemi di armi aerospaziali e relative attrezzature di supporto (SE). Sottogruppo Occupazionale DoD correlato: 700. Doveri e responsabilità Consulenza su lavorazione dei metalli, saldatura, progettazione e problemi di produzione.
Se sei un project manager con un colloquio di lavoro all'orizzonte, devi essere preparato a rispondere a domande relative alla tua particolare linea di lavoro e posizione. Probabilmente sperimenterai una combinazione di domande di colloqui comportamentali e situazionali che mirano a rivelare la tua leadership, la comunicazione e le capacità organizzative.
I datori di lavoro intelligenti gestiscono 4 file diversi per i record dei dipendenti Vuoi sapere quali documenti dei dipendenti conservare come datore di lavoro? Il datore di lavoro conserva quattro file di record dei dipendenti per ciascun dipendente. Inoltre, il datore di lavoro conserva altri file dei record dei dipendenti per tutti i dipendenti
Quando sei invitato a intervistare per una posizione temporanea, il datore di lavoro vorrà sapere se sembra che tu abbia successo nel lavoro, anche se non è una posizione permanente. Gran parte dell'essere un lavoratore temporaneo di successo è entusiasta dell'idea di un lavoro temporaneo, piuttosto che di una posizione permanente. P