Attività commerciale

15 delle donne più potenti della tecnologia

Di seguito sono elencate 15 delle donne più potenti della tecnologia di tutto il mondo.

1. Sheryl Sandberg - COO, Facebook

Nel giugno 2012, Sheryl Sandberg è diventata la prima donna a servire nel consiglio di amministrazione di Facebook. Quello stesso anno, ha creato la lista delle persone più influenti del tempo del 100. Prima del suo lavoro con Facebook, Sheryl era il capo dello staff del Segretario al Tesoro degli Stati Uniti e successivamente è stato assunto presso Google, in qualità di Vicepresidente delle vendite e delle operazioni globali online.

È l'autrice del libro Lean In: Women, Work e Will to Lead, che esplora temi come il femminismo, il sessismo sul posto di lavoro e le barriere sociali / personali all'uguaglianza di genere nel mondo professionale. Ha superato le liste dei bestseller e ha venduto oltre un milione di copie.

Attualmente, i rapporti stimano il patrimonio netto di Sandberg, che è in gran parte in titoli azionari, a oltre 1 miliardo di dollari USA.

2. Susan Wojcicki - CEO di Youtube

Susan ha conseguito la laurea in storia e letteratura all'Università di Harvard, laureandosi a pieni voti nel 1990. Inizialmente, il suo piano era di conseguire un dottorato di ricerca in economia e lavoro nel mondo accademico, ma ha cambiato rotta quando si è interessata alla tecnologia. Nel 1999, è entrata a far parte di Google come primo responsabile marketing e ha lavorato come vicepresidente senior di Pubblicità e commercio.

Dopo aver supervisionato Google Video per un po 'di tempo, Susan propose che l'azienda acquisisse Youtube (che all'epoca era una piccola startup).

Nel 2006, ha gestito l'acquisto di $ 1, 65 miliardi. L'anno seguente, ha supervisionato un'altra grande acquisizione: l'acquisto da 3, 1 milioni di dollari di DoubleClick.

In seguito ha gestito due delle più grandi acquisizioni di Google: l'acquisto da $ 1, 65 miliardi di YouTube nel 2006 e l'acquisto da 3, 1 milioni di dollari di DoubleClick nel 2007.

Nel febbraio 2014 Susan è stata nominata CEO di YouTube.

Susan parla spesso dell'importanza di bilanciare la vita familiare e lavorativa e, con cinque figli, ha l'esperienza per sostenere le sue parole. Come Sheryl Sandberg, ha anche reso le 100 persone più influenti di Time Magazine nel 2015.

3. Ginni Rometty - CEO, IBM

Ginni è a capo dell'IBM, in qualità di presidente, presidente e amministratore delegato. Lei è la prima donna a farlo. Dal 1991, ha ricoperto diversi ruoli importanti nella società ed è stata nominata CEO e Presidente nell'ottobre del 2011.

Per dieci anni consecutivi, è stata inserita nelle "50 donne più potenti nel mondo degli affari" della rivista Fortune, classificandosi al primo posto nella lista nel 2012, 2013 e 2014. La rivista Forbes l'ha nominata una delle "100 persone più potenti del mondo" in il 2014.

4. Meg Whitman - CEO, Hewlett-Packard

Meg Whitman ha una carriera lunga e variegata, in qualità di dirigente per numerose aziende di alto profilo. Durante gli anni '80, è stata vicepresidente della pianificazione strategica presso la Walt Disney Company. Negli anni '90 ha lavorato per DreamWorks, Procter & Gamble e Hasbro. Poi, dal 1998 al 2008, è stata presidente e amministratore delegato di eBay.

Meg è stata nominata 20th nella classifica 2014 di Forbes delle 100 donne più potenti del mondo.

5. Marissa Mayer - CEO, Yahoo

Marissa è stata l'attuale presidente e CEO di Yahoo! dal 2012. Prima del suo impiego con Yahoo !, ha lavorato a Google come dirigente e portavoce per oltre un decennio.

Nel 2013, Marissa è stata riconosciuta nella lista Time 100; poi, nel 2014, la rivista Fortune si è classificata sesta nella lista dei 40 under 40 e sedicesima nella lista delle più potenti imprenditrici al mondo.

6. Safra Catz - Co-CEO, Oracle

Safra collabora con Oracle Corporation dall'aprile 1999. Nell'ottobre 2001 è entrata a far parte del Consiglio di amministrazione della società ed è stata nominata Presidente di Oracle Corporation all'inizio del 2004. Da novembre 2005 a settembre 2008, e da aprile 2011 ad oggi, ha anche servito come il direttore finanziario dell'azienda. Nel settembre 2014 è diventata co-CEO, insieme al collega Mark Hurd.

Altre attività professionali includono il suo status di membro del Consiglio esecutivo di TechNet, direttore di PeopleSoft Inc. e direttore di Stellent, Inc.

7. Angela Ahrendts - SVP, Retail, Apple

Angela è nuova nel settore tecnologico, ma non è nuova alle posizioni di leadership. Ha ricoperto l'incarico di CEO di Burberry dal 2006 al 2014, prima di lasciare Apple come Senior Vice President di Retail e Online Stores. Nel 2014, è stata l'executive più pagata di Apple, guadagnando oltre $ 70 milioni.

Le sue distinzioni includono il 25 ° posto nella classifica 2015 di Forbes delle donne più potenti del mondo, la nona nella lista delle ore 100 della BBC Radio 4 Woman's, e la ventinovesima nella lista 2014 delle donne più potenti del mondo.

Angela siede anche nel consiglio consultivo aziendale del Primo Ministro del Regno Unito.

8. Ursula Burns - Chairman della poltrona, Xerox

Nel luglio del 2009, Burns è diventato il primo CEO donna afro-americano a dirigere un'azienda Fortune 500. Ha lavorato per Xerox dal 1980, iniziando come stagista e scalando le classifiche per i prossimi tre decenni.

Altre realizzazioni includono:

  1. Il presidente Obama ha nominato il suo vice presidente del Consiglio di esportazione del presidente nel 2010
  2. È consigliere di amministrazione di più entità professionali e senza scopo di lucro
  3. Forbes l'ha giudicata la ventiduesima donna più potente del mondo nel 2014

9. Ruth Porat - CFO, Google

Dopo aver lavorato con Morgan Stanley per decenni, in qualità di Chief Financial Officer e Executive Vice President da gennaio 2010 a maggio 2015, Ruth Porat è diventata CFO di Google il 26 maggio 2015.

Nel 2013, Ruth è stata considerata per la nomina come il prossimo Vice Segretario del Tesoro, ma ha chiesto di essere ritirata dalla corsa per poter continuare la sua carriera alla Morgan Stanley.

Nel 2011, Forbes l'ha nominata # 32 nella lista delle 100 donne più potenti del mondo.

10. Renee James - Presidente, Intel

Renee James ha lavorato presso Intel per oltre 25 anni, servendo in una varietà di ruoli. È diventata presidente di Intel Corporation nel maggio 2013; tuttavia, il Wall Street Journal ha recentemente riferito che si ritirerà per cercare una posizione di CEO altrove alla fine del 2015.

Renee è una delle più importanti dirigenti femminili della Silicon Valley e la donna più alta di Intel di sempre. L'elenco 2014 di Forbes delle donne più potenti nel mondo degli affari la classificò al 21 ° posto, e l'anno seguente, lei era al 45 ° posto nella lista delle donne più potenti.

11. Amy Hood - Chief Financial Officer, Microsoft

Amy Hood è attualmente la prima donna Chief Financial Officer di Microsoft Corporation, un ruolo che ha ricoperto da maggio 2013. È in compagnia dal 2002, prima di allora lavorava con Goldman Sachs.

Hood ha conseguito una laurea in economia alla Duke University e un MBA alla Harvard University.

È stata nominata # 48 nell'elenco delle 100 donne più potenti del mondo di Forbes.

12. Mary Meeker - General Partner, Kleiner Perkins Caufield & Byers

Mary Meeker è partner della società di venture capital Silicon Valley Kleiner Perkins Caufield & Byers. I suoi interessi riguardano principalmente la tecnologia e Internet.

Prima di diventare un venture capitalist, Mary era un'analista di titoli di Wall Street, lavorando con Morgan Stanley.

Nel 1998, divenne nota come la "Regina della rete" dopo un pezzo in Barron's Magazine. Forbes l'ha classificata come la 77a donna più potente del mondo nel 2014.

13. Padmasree Warrior - ex capo della tecnologia e della strategia, Cisco Systems

Fino a poco tempo fa, Padmasree Warrior era Chief Technology & Strategy Officer (CTO) di Cisco Systems. Prima di entrare a far parte di Cisco nel 2007, ha lavorato per 23 anni presso Motorola, Inc., in qualità di Vicepresidente aziendale e CTO per molti di loro. Nel 2004, con Padmasree al timone, il presidente Bush ha conferito a Motorola la National Medal of Technology 2004.

Padmasree ha appena iniziato un nuovo capitolo nella sua vita professionale come CEO della società di veicoli elettrici NextEV.

A partire dal 2015, è elencata su Forbes come l'84a donna più potente del mondo (anche lei era la 71 ° nel 2014). Inoltre, The Economic Times l'ha definita l'undicesimo indiano globale più influente nel 2005.

14. Weili Dai - Co-Fondatore-Presidente, Marvell Technology Group Ltd.

La donna d'affari americana di origine cinese Weili Dai è presidente e co-fondatrice di Marvell Technology Group. È l'unica co-fondatrice femminile di un'importante società di semiconduttori ed è considerata una delle imprenditrici di maggior successo in tutto il mondo, con un patrimonio netto stimato di oltre $ 1 miliardo.

Weili è attualmente elencata come la 95a donna più potente del mondo da Forbes. Era anche al 21 ° posto nella lista delle donne autoprodotte d'America quest'anno.

15. Jenny Lee - Managing Partner, GGV Capital

Jenny Lee è la donna con il punteggio più alto nella classifica Midas 2015 e ha realizzato una carriera di tutto rispetto come investitore nella scena tecnologica cinese. Prima di entrare in GGV nel 2005 e di aiutare ad aprire la sua sede di Shanghai, ha lavorato presso JAFCO Asia.

Forbes elenca Jenny come le # 98 Power Women per il 2015.

Conclusione

La tecnologia ha ancora la reputazione di essere un campo dominato dagli uomini, ma queste donne (e più simili a loro) stanno dimostrando che il genere non è un ostacolo al successo.

Raccomandato
Ci sono molte ragioni per cui le persone scelgono una carriera di vendita. Per alcuni, le loro scelte riguardano la scelta di una grande o piccola società di vendita per cui lavorare. Altri decidono quale industria sarebbe più adatta alle loro esigenze e ai loro obiettivi. Altri ancora, si trovano nelle vendite perché non hanno altre scelte e imparano ad amare le opportunità di libertà e reddito che una carriera nelle vendite offre. Ma
Come dire al tuo capo che ti stai dimettendo per diventare una mamma casalinga La maggior parte dei dipendenti si dimette dicendo al proprio manager che stanno pensando di lasciare il lavoro. La prima risposta del manager è di chiamare o inviare per e-mail le Risorse Umane per scoprire che cosa è responsabile per fare dopo che ha ricevuto le dimissioni ufficiali del dipendente.
L'acquacoltura (allevamento ittico) è uno dei segmenti in più rapida crescita dell'industria della produzione animale. Ci sono molti stage che possono fornire un'esperienza preziosa a coloro che sperano di lavorare sul campo. Ecco un campionario delle attuali opportunità legate all'acquacoltura che possono essere di interesse: Alaska Il Dipartimento dell'Alaska di Fish and Game offre due stage estivi per gli studenti di acquacoltura: uno con la divisione di pesca commerciale e uno con la divisione di pesca sportiva. G
Indovina un po? Qualche conflitto sul posto di lavoro fa bene alle imprese L'elusione dei conflitti è più frequentemente l'argomento in cui viene discusso un conflitto nelle organizzazioni. La risoluzione dei conflitti - il più rapidamente possibile - è il secondo argomento più frequente. Que
Non tutti i lavori possono essere coraggio e gloria, amici miei, ma devono essere fatti. Ad esempio, potresti pensare che portare Marines e le loro attrezzature all'estero sia gestito solo dai "Red Patchers" (tecnici di supporto all'atterraggio) sulle teste di spiaggia e dagli specialisti della consegna aerea che scaricano materiale dai C-130
Il termine "vendita consultiva" apparve per la prima volta nel libro degli anni '70 Consultative Selling di Mack Hanan. Esplora una tecnica di vendita in cui il venditore agisce come consulente esperto per i suoi potenziali clienti, ponendo domande per determinare di che cosa ha bisogno il potenziale cliente