Attività commerciale

10 dei più grandi miti su una carriera pubblicitaria

Separazione dei fatti dalla narrativa nel mondo degli annunci

La pubblicità ha un bagaglio.

Quando pensi alla parola, non dubiterai di avere associazioni positive o negative con essa. Ciò dipenderà dal fatto che tu sia nel settore, che cosa hai visto al riguardo in TV e nei film, e cosa pensi dell'output del settore. Ma è giusto dire che le carriere pubblicitarie sono affiancate da carriere legali e fiscali. In altre parole ... ottengono una cattiva reputazione.

Sfortunatamente, quando si tratta della parte della carriera dell'argomento, ciò può essere molto ingiusto. Le persone che lavorano nella pubblicità non sono tutti venditori sdolcinati in abiti costosi. Le carriere variano molto e la diversità delle persone che riempiono questi ruoli è altrettanto ricca.

Quindi, se stai pensando di lavorare nel settore della pubblicità e del marketing, familiarizza con i seguenti 10 miti. Quando qualcuno glielo lancia in faccia, avrai una grande confutazione.

MITO 1: La pubblicità è una professione immorale e disonorevole.

REALTÀ : l'industria pubblicitaria è, di fatto, una professione di tutto rispetto. Sfortunatamente, ci sono quelli che pensano perché stai cercando di vendere qualcosa attraverso la pubblicità che stai cercando di ingannare o ingannare il pubblico.

La pubblicità deve seguire regole molto specifiche che assicurano che tutti i messaggi pubblicitari siano in crescita. L'ultima cosa che un'agenzia pubblicitaria vuole fare è danneggiare la reputazione dei propri clienti producendo materiali che potrebbero essere interpretati come pubblicità ingannevole. Sì, ci sono alcune mele marce là fuori.

Ma la stragrande maggioranza delle agenzie pubblicitarie sta facendo tutto il possibile per rispettare le numerose leggi imposte dalla FCC e dalla Advertising Standards Authority, tra le altre.

MITO 2: Tutti nella pubblicità rendono una fortuna.

REALTÀ : se solo. Mentre è vero che puoi fare un sacco di soldi lavorando nella pubblicità, la maggior parte delle persone non sono milionari.

In realtà, la maggior parte delle persone non guadagna nemmeno vicino a uno stipendio a sei cifre. La maggior parte delle persone che lavoravano nel campo iniziarono al gradino più basso della scala, internando gratuitamente, forse anche facendo salari minimi solo per iniziare nel settore. E alcune persone effettivamente prendono un lavoro senza paga, nella speranza di diventare un impiegato retribuito un giorno.

Proprio come in ogni professione, nella pubblicità paghi le tue quote e ti fai strada. Ciò che fai della tua carriera pubblicitaria dipende interamente da te. E se lo raggiungi in cima o diventi un proprietario, la tua agenzia di successo porterà molti soldi.

MITO 3: È davvero difficile iniziare nella pubblicità.

REALTÀ : C'è sicuramente qualcosa di vero in questo. C'è molta competizione là fuori, specialmente nelle città che hanno un numero limitato di agenzie. Ma ci sono molte opportunità per chi vuole iniziare sul campo. Ciò non significa che avrai l'ufficio d'angolo con una vista, il reddito prestigioso e il controllo creativo delle campagne pubblicitarie con il tuo primo lavoro.

C'è un sacco di legwork che dovrai fare. Ma se sei serio riguardo alla tua carriera nel settore, puoi entrare in azione. Puoi iniziare dal lato del cliente e spostarti, il che ti apre un intero mondo di aziende diverse per le quali iniziare.

Puoi anche lavorare come freelance prima di trovare un lavoro fisso.

MITO 4: Lavorare in pubblicità è come lavorare in pubbliche relazioni.

REALTÀ : queste due industrie sono comunemente etichettate come la stessa professione. Mentre la pubblicità e le pubbliche relazioni possono andare di pari passo, la loro attenzione è molto diversa. Puoi usare le tue capacità pubblicitarie per ottenere un lavoro in PR e viceversa, ma solo perché lavori in un settore non significa che tu sappia automaticamente tutto ciò che c'è nell'altro.

MITO 5: Tutte le tue idee creative saranno messe a frutto

REALTÀ : c'è un certo processo in ogni campagna pubblicitaria. Alcuni clienti danno all'agenzia pubblicitaria un concetto di base e lasciano correre l'agenzia. Alcuni lasciano tutto alle competenze dell'agenzia e lascia che gestiscano ogni aspetto. Altri clienti vogliono essere maggiormente coinvolti nel processo di agenzia.

Nella maggior parte delle agenzie, avrai una riunione dopo l'incontro dopo l'incontro su qualsiasi campagna pubblicitaria, a prescindere dal dipartimento in cui ti trovi. Puoi esercitare alcune delle tue idee in una certa misura, ma potrebbero non arrivare al cliente.

Come parte del team di agenzia, ci sono molti livelli di burocrazia le tue idee e anche i tuoi materiali dovranno passare prima che il progetto sia completato. La grande copia che hai scritto martedì potrebbe finire sulla tua scrivania con una serie di cambiamenti entro mercoledì. Lo invii di nuovo giovedì e venerdì hai ancora più cambiamenti.

La maggior parte delle agenzie accolgono le tue idee creative ma non ti fanno male i sentimenti se queste idee sono tratteggiate. Non è personale, è solo affari. L'idea che potresti gettare in una riunione creativa potrebbe essere l'esatto opposto di ciò che un cliente ha detto al proprio Account Executive che desidera o che è stato deciso in un precedente incontro con altri dirigenti della tua agenzia.

MITO 6: È una carriera affascinante, divertente, facile.

REALTÀ : Non ami quei film e programmi televisivi in ​​cui i personaggi lavorano nella pubblicità e sembrano divertirsi così tanto? Bosom Buddies, Mad Men, Trust Me,, Friends, Nothing in Common, Bounce, What Women Want - questi sono solo alcuni degli esempi di spettacoli o film i cui personaggi hanno una carriera nella pubblicità. E questo è quello che sono: personaggi in una storia immaginaria.

Non fare errori. La pubblicità è un duro lavoro. Tardi notti, fine settimana, clienti arrabbiati, licenziamenti, stress e feroce competizione rendono difficile sopravvivere nel settore per oltre 20 anni.

MITO 7: Viaggerai per tutti e quattro gli angoli del globo

REALTÀ : solo per pochi eletti. Mentre è vero che le agenzie pubblicitarie più grandi hanno clienti in tutto il mondo, e le riprese fotografiche e video internazionali fanno parte del quadro, i viaggi sono rari per la maggior parte delle persone. Se sei nel dipartimento creativo, è probabile che viaggerai per fotografare le tue idee. Tuttavia, i tagli al budget spesso significano meno persone che devono andare. Dal lato account, di nuovo, dovrai avere fortuna dalla tua parte.

MITO 8: È tutto il giorno Bere e tutta la notte Festeggiare

REALTÀ : Una volta, come Mad Men rappresentava così bene, la vita dell'agenzia pubblicitaria era edonistica. C'era davvero un armadietto per i liquori in ogni ufficio, e ci si aspettava che si bevesse prima, durante e dopo il lavoro. In effetti, l'alcolismo era diffuso nell'industria pubblicitaria, dagli anni sessanta, fino alla fine degli anni '80.

Questo è sicuramente cambiato. Ora, è una vita pulita, stanze di allenamento gratuite e conversazioni politicamente corrette. Sì, ci saranno momenti in cui chiami il cliente o bevi un drink dopo il lavoro. Ma il "bere tutto il giorno, il regime di tutta la notte" è morto e andato.

MITO 9: chiunque può ottenere un lavoro in pubblicità

REALTÀ : Tutto dipende da quale sia la tua definizione di "chiunque". In passato, le persone facevano carriera in pubblicità perché non sapevano cos'altro fare. Queste persone avevano uno sfondo di scrittura o una laurea in inglese. Neil French, un grande copywriter e direttore creativo, è appena entrato nel campo e divenne un maestro.

In questi giorni, la concorrenza per i lavori del settore è intensa. L'idea che chiunque possa decidere di provare la pubblicità è ridicola. Hai bisogno di studiarlo al college, o un argomento molto vicino ad esso. Se sei creativo, avrai bisogno di un folio a dondolo. Ed è giusto dire che, anche con tutto ciò, dovrai essere eccezionale per essere notato.

MITO 10: Con il duro lavoro, finirai per gestire l'agenzia

REALTÀ : lo senti sempre, da account manager e creatori sfacciati. "Una volta, il mio nome sarà sopra la porta, devo solo lavorare duro".

Non proprio. Le persone nella pubblicità possono spendere più di 30 anni buttandole fuori ogni giorno, lavorando di notte, dormendo in ufficio nei fine settimana, solo per ottenere alcune promozioni e un paio di aumenti di paga. Altre persone possono entrare nell'agenzia e diventare partner entro pochi anni. Più spesso, non si tratta di ciò che sai o quanto duro lavori. Riguarda chi conosci. Le tue connessioni Il tuo background. Il tuo patrimonio netto.

Puoi possedere l'agenzia un giorno? Può essere. Ma ci vorrà molto più del duro lavoro.


Articoli Interessanti
Raccomandato
È una buona idea mettersi in forma prima di base Per diplomarsi all'Aeronautica militare di base (AFBMT), è necessario superare un test di idoneità fisica. Il test consiste in una corsa a tempo, push-up e sit-up. Prima di arrivare alla formazione di base, ti consigliamo di prepararti a soddisfare gli standard minimi di idoneità fisica. Ti
Che cosa significa "in chiamata" e cosa succede alla tua paga quando il tuo lavoro richiede di essere in servizio e pronto a lavorare se necessario? Quando i dipendenti sono pagati per essere chiamati In alcune professioni, i datori di lavoro richiedono un certo numero di lavoratori che desiderano essere "su chiamata", ovvero essere disponibili a lavorare con un preavviso limitato dopo il termine del turno di lavoro
La squadra di artificieri militari - Smaltimento di ordigni esplosivi La necessità di smaltimento di ordigni esplosivi non si è verificata fino a quando durante la seconda guerra mondiale, dopo molte vittime che coinvolgevano ordigni che si trovavano nel terreno o nell'acqua e che non erano esplosi all'impatto iniziale.
Informazioni sulla carriera Descrizione del lavoro Un avvocato, anche chiamato avvocato, rappresenta e consiglia i suoi clienti in casi sia criminali che civili. Un avvocato può essere un medico di medicina generale o specializzarsi in una varietà di settori tra cui diritto penale, immobiliare, matrimoniale, successione e diritto ambientale.
Di Cpl. Robert M. Storm MARINE CORPS BASE CAMP PENDLETON, CA - "Stiamo assumendo", afferma il sergente Staff. Timothy C. La Sage, 28 anni, originario di Milwaukee, Scout Sniper Platoon, Weapons Company, 2nd Battalion, 5th Marine Regiment, quando parla dello sforzo della sua unità per reclutare il loro plotone da cecchino.
Nell'industria della tecnologia, un curriculum vitae o CV può essere usato al posto di un curriculum per professionisti nel mondo accademico o di ricerca. Un CV può anche essere utilizzato da professionisti della tecnologia che si trovano in determinati settori, come la medicina o la bioinformatica.